-

Zeppieri e Musetti, partenza lanciata a Genova

Scattato l’Aon Open Challenger – Memorial Giorgio Messina con sette top 100 e 12 azzurri in tabellone, di cui sei debuttano in modo positivo. Il mancino di Latina batte l’indiano Nagal (avversario di Federer a New York) e il 17enne di Carrara elimina Horansky, bene pure Pellegrino, Baldi, Gaio e Mager, esce Giannessi

02 settembre 2019

Con la promozione di Andrea Vavassori dalle qualificazioni (stop invece per Julian Ocleppo) sono diventati dodici i tennisti azzurri al via nel tabellone principale dell’Aon Open Challenger – Memorial Giorgio Messina, torneo challenger Atp con un montepremi di 137.560 euro partito sui campi di Valletta Cambiaso a Genova.
La prima giornata di incontri va in archivio con un bilancio ampiamente positivo per l'Italtennis, con sei affermazioni e una sola uscita di scena nel main draw. Ha centrato un bel successo Giulio Zeppieri (numero 470 Atp), in gara con una wild card, capace di eliminare per 61 75 l’indiano Sumit Nagal (n. 190 Atp), reduce dagli US Open dove dopo aver passato le qualificazioni ha affrontato Roger Federer all’esordio (strappandogli il primo set): il 17enne mancino di Latina al secondo turno sarà protagonista di un derby tricolore con Lorenzo Giustino (n. 128 Atp), 12esima testa di serie.
Non è voluto essere da meno, però, Lorenzo Musetti (n.495 Atp), vincitore degli Australian Open junior a inizio stagione e pure lui in tabellone con una wild card, che ha sconfitto per 63 64 lo slovacco Filip Horansky (n.189 Atp): il 17enne di Carrara sfiderà così il tedesco Philipp Kohlschreiber (n.71 Atp), quarto favorito di un torneo che ha poco da invidiare a un ATP 250, con sette top ten al via.

Bene anche Andrea Pellegrino (n.322 Atp), pure lui in gara come wild card, che ha superato il brasiliano Rogerio Dutra Silva (n.200 Atp), ritiratosi sul punteggio di 62 4-3 in favore del 22enne di Bisceglie che al prossimo turno troverà un altro tennista "carioca", Thiago Monteiro (n.101 Atp), ottavo favorito del seeding. Avanzano anche Gianluca Mager (n.142 Atp) e Filippo Baldi (n.146 Atp): il 24enne di Sanremo, che si è imposto per 75 64 sul tedesco Julian Lenz (n.242 Atp), sarà protagonista al secondo turno di un derby tricolore con Salvatore Caruso (n.102), nona testa di serie, mentre il 23enne milanese, che ha battuto in rimonta per 57 62 61 il Next Gen tedesco Rudolf Moelleker (n.160 Atp), dovrà vedersela con lo spagnolo Roberto Carballes Baeena (n.77 Atp), quinto favorito del tabellone.
E' partito con il piede giusto anche Federico Gaio (n.145 Atp), che in serata nel match che chiudeva il programma ha regolato 75 76(4) l’argentino Pedro Cachin (n.253 Atp) "regalandosi" così la sfida allo spagnolo Albert Ramos Vinolas (n.51 Atp), secondo favorito del torneo.

Niente da fare invece per Alessandro Giannessi (n.150 Atp), semifinalista la settimana scorsa nel challenger di Como, che si è ritirato per un problema fisico quando era in svantaggio per 60 2-0 con il croato Viktor Galovic (n.224 Atp). 

Cinque azzurri entrano in scena al 2° turno

Martedì sarà poi la volta appunto di Andrea Vavassori (n.395 Atp), che trova dall’altra parte della rete il tedesco Yannick Hanfmann (n.182 Atp): il vincente di questo match sarà poi l’avversario d’esordio al secondo turno per Lorenzo Sonego (n.48 Atp), primo favorito del seeding.

Entreranno in scena direttamente al secondo turno anche altri due azzurri: Stefano Travaglia (n.81 Atp), sesta testa di serie, chiamato a misurarsi con l’argentino Facundo Bagnis (n.164 Atp), e Marco Cecchinato (n.66 Atp), terzo favorito del torneo, che a sua volta come avversario avrà l’argentino Federico Coria (n.157 Atp).

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi