-

Road to Torino, un finale da campioni al Pala Alpitour

I finalisti e le finaliste del Master Road to Torino Under 13 hanno avuto l’onore di contendersi il titolo giocando sul campo d’allenamento allestito all’interno del Pala Alpitour per le Nitto Atp Finals, a pochi passi da quello su cui gli 8 campioni in gara a Torino si sono contesi il Trofeo dei Maestri

20 novembre 2022

Probabilmente non sarà stata la miglior finale da loro disputata sotto il profilo della prestazione in senso stretto, ma di certo entra di diritto tra quelle indimenticabili. I finalisti e le finaliste del Master Road to Torino Under 13 hanno infatti avuto l’onore di contendersi il titolo giocando sul campo d’allenamento allestito all’interno del Pala Alpitour per le Nitto Atp Finals, a pochi passi da quello su cui gli 8 campioni in gara a Torino si sono contesi il Trofeo dei Maestri. 

Il torneo ha messo di fronte i giocatori e le giocatrici che meglio si sono comportati nelle tappe di qualificazione disputate su tutto il territorio nazionale. Un’eterogeneità geografica che è stata mantenuta sino alla fine, dal momento che nel femminile sono giunte in finale la piemontese Bianca Baroglio, testa di serie numero 4, e la ligure Melissa Rossi, numero 2 del seeding; mentre tra i maschi a giocarsi il titolo sono stati il toscano Marco Meacci (2.8), primo favorito del seeding, e il laziale Luca Cosimi (numero 3). 

In entrambi i casi, la partita non ha contraddetto la graduatoria: Melissa Rossi, brava a sbagliare meno nei momenti clou del match, si è imposta su Bianca Baroglio con il punteggio di 7-5, 6-3. Con un risultato non molto diverso (7-5, 6-2), Marco Meacci ha invece regolato Cosimi, in un match che ha offerto più d’uno scambio di alto livello. 

Mentre per le due finaliste si è trattato di un confronto inedito (pur essendo nella stessa macroarea, infatti, Rossi e Baroglio non si erano mai incontrate in singolare, mentre hanno già disputato più match in coppia in doppio), per i maschi la sfida aveva un sapore particolare, dal momento che oltre ad essere amici e a conoscersi molto bene, avendo già una parte di percorso tennistico in comune, i due finalisti dall’anno prossimo difenderanno i colori dello stesso club, rinforzando ulteriormente il loro legame.

La finale femminile, oltre che dall’emozione delle due contendenti che, come i colleghi maschi, hanno utilizzato lo stesso percorso degli otto migliori giocatori al mondo (visitando anche i loro spogliatoi), è stata condizionata dalla stanchezza: entrambe le finaliste, infatti, hanno vinto la propria semifinale dopo una battaglia di oltre due ore, in un saliscendi di emozioni che ha inciso non poco sul consumo di energia fisica e nervosa a disposizione. 

Così Vito di Luca, presidente della Fit Piemonte, in merito al Master Road to Torino: "Queste finali al Pala Alpitour, giocate sui campi di allenamento dei grandi campioni, sono la degna conclusione del cammino compiuto da queste ragazze e da questi ragazzi arrivati da tutta Italia. Credo sia una grande soddisfazione essere arrivati fin qui a contendersi il Master e sono convinto che porteranno sempre con loro uno splendido ricordo di Torino e delle Nitto Atp Finals". 

Loading...

Altri articoli che potrebbero piacerti