-

Rischio virus? Il tennis tende a zero. Il report del Politecnico

Il Coni ha commissionato al Politecnico di Torino uno studio sulla sicurezza delle varie discipline sportive nella prospettiva di dover convivere con il Coronavirus e l’ha inviata al ministro Spadafora: in tema di distanziamento il nostro sport è in assoluto il più sicuro

01 maggio 2020

Quanto sarà rischioso giocare a tennis appena si potranno riaprire circoli e centri sportivi? Rispetto alle altre discipline il rischio dei tennisti tende a zero. In una scala da “zero” a “quattro” in cui questo fattore è inesistente a zero, scarso a 1, medio a 2, alto a 3 e elevato a 4, il dato del tennis è 0,1. Il più basso in assoluto insieme alla quello della ginnastica artistica individuale.

Lo si legge in una tabella, pubblicata dalla Gazzetta dello Sport e realizzata sulla base dello studio commissionato dal Coni al Politecnico di Torino, intitolato “Lo sport riparte in sicurezza”.

Un fascicolo di 404 pagine consegnato al Ministro Spadafora, pieno di dati e basato questionari atti a ricostruire appunto i fattori di rischio delle 387 discipline che fanno capo al Coni e al Comitato Italiano Paralimpico.

Per disegnare la tabella alla Gazzetta dello Sport hanno tenuto presenti 15 discipline, concentrandosi sui dati del distanziamento (atleti, tecnici, arbitri, pubblico) in 4 ambiti, dalla struttura di allenamento al luogo in cui si svolge l’evento con il pubblico.

Nel caso dell’atletica che non ha fornito dati per l’attività in pista e in pedana dato che ogni specialità rappresenta una sua fattispecie è stata presa in considerazione la corsa su strada.

Lo studio del Politecnico afferma anche che il grado di sicurezza potrebbe essere ulteriormente aumentato utilizzando occhiali protettivi.

 

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi

pinkfloyd
29 aprile 2020

Il Presidente della FIT, almeno scriva una lettera di RINGRAZIAMENTO e COMPLIMENTI al ministro dello sport inerente l'ultimo decreto per cui i circoli sono ancora chiusi !!!!!!!!!!!! E' si lui consulta i grandi esperti della scienza ....... che si contraddicono fra di loro.

luciogeo
luciogeo 30 aprile 2020

Binaghi chiedendo la riapertura dei circoli a partire dal 4 maggio!

luciogeo
luciogeo 30 aprile 2020

Io ho mandato una lettera aperta al ministro Spadafora e al presidente

ganzo
30 aprile 2020

Che mi dite dell 'iniziativa della Federtennis Toscana ?

federeroger
01 maggio 2020

tutti bravi a parlare, ma nel concreto? Il tennis èlo sport che ha distanziamento sociale meglio di qualunque altro ... Quindi perchè non riaprono i centri? Vogliamo tornare ad allenarci!!

gianantonio
01 maggio 2020

Con 2 tubi di palline numerate in modo diverso e quindi la scelta che ognuno dei due giocatori raccoglie e serve solo con la pallina dal numero stabilito diverso da quello dell’avversario , il rischio è davvero ZERO. Presidente a queste condizioni è una pazzia tenere i tennis club chiusi. Dichiariamo gli atleti dalla terza alla prima categoria di interesse nazionale se da oggi a Lunedì non si riesce a fargli cambiare idea a quei politici preoccupati solo del calcio.

silent639
01 maggio 2020

Fate cambiare idea a questo branco di sedicenti tecnici. Prima hanno detto che dovevamo andare nei ristoranti cinesi, poi che le mascherine non servono a nulla, poi che mi contagiavo da solo su Marte, poi hanno chiuso tutto, senza una logica. Sono 2 mesi che siamo in casa a scrivere autocertificazioni (ne ho scritte una sessantina in totale). Basta. Siamo l'unico paese al mondo che fa tutto al contrario!

fedefico78
02 maggio 2020

Veneto Sicilia e Abruzzo riapriranno i circoli ... noi che facciamo? 🧐

baffone56
18 maggio 2020

Il rischio per quanto riguarda il doppio??