-

"Tennis a casa": l'antivirus da usare in quarantena

L'istituto Superiore di Formazione "Roberto Lombardi" e la Federtennis lanciano il progetto rivolto ai bambini delle scuole tennis per non smettere di allenarsi anche in questi giorni. Video dei maestri da eseguire tra le mura domestiche

di Stefano Izzo | 14 marzo 2020

L’Italia è paralizzata, ostaggio di un nemico invisibile quanto subdolo. Stravolte le nostre abitudini, la quotidianità azzerata, crollate tante certezze. Si guarda al 3 aprile come all’alba di un possibile nuovo inizio. Data in cui, si spera, ci possa essere un graduale ritorno alla normalità. Intanto si cercano soluzioni a distanza per non arrendersi supinamente al rischio di contagio. Smart working è diventato l’antivirus per eccellenza, mentre la scuola, ove possibile, si converte all’e-learning.

Basta meno, molto meno, per tenere accesa la passione dei più piccoli per il tennis. Servono una racchetta e una pallina. “La Nazione è ferma ma il tennis non è sconfitto. I bambini delle scuole tennis possono giocare a casa” spiega Michelangelo Dell’Edera, direttore dell’Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”. L’Istituto e la Federtennis propongono il “Tennis a casa”, progetto per mettere nelle condizioni i bambini di poter fare degli esercizi di familiarizzazione alla racchetta, continuando a stimolare determinate capacità anche tra le mura domestiche. “Prendiamo spunto da Jannick Sinner – continua Dell’Edera – che qualche tempo fa ci raccontava coma a casa si allenava contro il muro con racchetta e pallina con esercizi di precisione per provare ad accendere e spegnere la luce. L’input migliore per affrontare questo momento ce lo ha dato lui”.


PASSAPORTO DIDATTICO "I LOVE TENNIS"

L’invito della Federtennis per i bambini neofiti, ma anche per quelli che hanno già sviluppato buone qualità è utilizzare muro, racchetta e pallina per continuare a non perdere quelle capacità che sono determinanti. Una sorta di scuola tennis a casa, con l’invito a tutti gli insegnanti di produrre dei video da condividere anche su whatsapp o nei gruppi dei genitori, organizzati per livelli crescenti, fino ad arrivare a trip challenge video per agonisti. L’idea è di proporre esercizi settimanali tramite video per poter continuare ad allenarsi. Questo l’input che l’Istituto dà alle 2000 scuole tennis italiane e ai 140 mila tesserati under del movimento per far sì che il tennis non esca sconfitto da questo momento. Sul passaporto didattico “I Love Tennis” già figurano 10 esercizi da fare a casa per i bambini delle scuole tennis. 
54d46e70-ce23-439d-a9f6-c894b76bcf8c
Play
e0311acb-55f7-4b54-9e69-4d9f887ec7b9
Play
4cf7acab-a5d4-401d-934f-4c389759825a
Play

IL MURO COME MAESTRO

“Così come sul campo nei momenti di difficoltà i giocatori tirano fuori il meglio di sé, questo è il momento in cui tutti gli insegnanti e l’intero movimento non deve fermarsi, deve continuare a giocare a tennis a casa. Non vediamo l’ora di poter tornare sui campi da tennis, al Foro Italico, ai centri federali estivi, tornare nelle scuole tennis. Queste 2-3 settimane vanno affrontate con positività, così come il tennis insegna“ è l’esortazione di Dell’Edera. Quel legame forte tra i circoli, gli insegnanti e i ragazzi deve continuare a vivere. L’imperativo è abbattere quella barriera virtuale che le norme attuali stanno imponendo a 360 gradi per venire fuori dall’emergenza sanitaria. “Il muro è il miglior insegnante, perché rimanda indietro la pallina sempre allo stesso modo” si è sempre detto. E allora diamoci dentro.
aca77e58-0490-4b83-a48b-d921201ed77d
Play

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi

stecapi
12 marzo 2020

assolutamente d'accordo

fabio07
15 marzo 2020

Sono d'accordo in casa basta poco spazio è anche un modo x distrarre i bambini, solo il movimento anche senza pallina, dico sempre che i bambini vanno impostati dall' impugnatura all' apertura alla posizione del braccio non dominate, alla posizione dei piedi, alla torsione si spalle e bacino . Una nota personale, impugnatura Continental e rovescio a una mano .io gioco ancora così torniamo all'antico. Grazie a tutti e buon allenamento....il coach