<![CDATA[ Ultim'ora della Federazione Italiana Tennis ]]> Fri, 20 Jan 2017 01:39:49 UTC <![CDATA[ OBIETTIVO OTTAVI PER SEPPI - Andreas affronta Darcis sullo Show Court 3 ]]>
Al turno precedente l’azzurro ha eliminato l’australiano Nick Kyrgios, numero 13 Atp e 14 del seeding, rimontando all’avversario più giovane di 11 anni due set e annullando un match point: 16 67 (1) 64 62 10-8. Due anni fa proprio il giovane australiano lo aveva fermato negli ottavi (al turno precedente l’azzurro aveva clamorosamente eliminato Federer) rimontando due set e annullando un match point con un ace. Questa volta è andata esattamente al contrario: è stato Andreas a completare una splendida rimonta e sempre sullo stesso campo, l’Hisense Arena. L’altoatesino, numero 89 Atp, 32 anni il prossimo 21 febbraio, disputa per la dodicesima volta il primo Slam dell’anno dove ha raggiunto in due occasioni gli ottavi (2013 e 2015). Domani al terzo turno

-------------------------------------------

RISULTATI
“Australian Open”
Grand Slam
Melbourne, Australia
16 - 29 gennaio, 2017
Aus$ 50.000.000 - cemento

SINGOLARE
Primo turno
(10) Thomas Berdych (CZE) b. (q) Luca Vanni (ITA) 61 ritiro
Paolo Lorenzi (ITA) b. James Duckworth (AUS) 64 76(4) 67(4) 64
Andreas Seppi (ITA) b. Paul-Henri Mathieu (FRA) 64 76(4) 67(3) 75
Donald Young (USA) b. (q) Thomas Fabbiano (ITA) 64 76 (1) 64
Fabio Fognini (ITA) b. (28) Feliciano Lopez (ESP) 75 63 75

Secondo turno
(29) Viktor Troicki (SRB) b. Paolo Lorenzi (ITA) 63 16 76 (3) 36 63
Andreas Seppi (ITA) b. (14) Nick Kyrgios (AUS) 16 67 (1) 64 62 10-8
Benoit Paire (FRA) b. Fabio Fognini (ITA) 76 (3) 46 63 36 63

Terzo turno
Andreas Seppi (ITA) c. Steve Darcis (BEL) - venerdì, 2° match dall'una di notte in Italia, Show Court 3

DOPPIO
Jerzy Janowicz/Marcin Matkowski (POL) b. Fabio Fognini/Fernando Verdasco (ITA/ESP) 75 64
(6) Raven Klaasen/Rajeev Ram (RSA/USA) b. Aliaksandr Bury/Paolo Lorenzi (BLR/ITA) 63 75

QUALIFICAZIONI MASCHILI
Primo turno
Blaz Kavcic (SLO) b. Matteo Donati (ITA) 62 3-3 rit.
(2) Frances Tiafoe (USA) b. Marco Cecchinato (ITA) 63 57 75
Mirza Basic (BIH) b. Lorenzo Giustino (ITA) 36 63 62
(31) Thomas Fabbiano (ITA) b. Bradley Klahn (USA) 61 67(3) 63
Jan Satral (CZE) b. (12) Alessandro Giannessi (ITA) 76(6) 76(4)
Luca Vanni (ITA) b. Federico Gaio (ITA) 57 62 63
(30) Vincent Millot (FRA) b. Riccardo Bellotti (ITA) 63 61
Reilly Opelka (USA) b. Stefano Napolitano (ITA) 75 63

Secondo turno
(31) Thomas Fabbiano (ITA) b. Akira Santillan (JPN) 46 64 62
Luca Vanni (ITA) b. Alexander Sarkissian (USA) 36 63 62

Turno di qualificazione
(31) Thomas Fabbiano (ITA) b. Andre Ghem (BRA) 64 76(4)
Luca Vanni (ITA) b. Jan Satral (CZE) 46 64 64

SINGOLARE MASCHILE ]]>
Tue, 31 Jul 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ DEFIBRILLATORI OBBLIGATORI - Ulteriore proroga fino al 30 giugno 2017 ]]>
]]>
Tue, 31 Jul 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ FED CUP / ITALIA-SLOVACCHIA - Prevendita dei biglietti - Si gioca a Forlì l'11 e 12 febbraio ]]> Italia- Slovacchia, primo turno del World Group II 2017, è partito. Sarà una Fed Cup all’insegna della novità, con l’ingresso in scena di due protagoniste: Tathiana Garbin, la quale, nel ruolo di nuovo capitano della squadra italiana, dovrà far fronte ad un importante e delicato cambio generazionale, e Dominika Cibulkova, fresca vincitrice del Wta Finalsi di Singapore, prestigioso torneo riservato alle 8 giocatrici più forti del pianeta.
La location ospitante sarà il PalaGalassi (ex Palafiera) di Forlì, il quale, dotato di una struttura all’avanguardia, l’11 e il 12 Febbraio aprirà i battenti per offrire uno spettacolo unico ed entusiasmante.

Il 5 dicembre ha preso il via la prevendita tramite ticketone e i punti autorizzati: Effedue M Prevendite Corso Garibaldi 64 Forli, Black e White Point Shopping, Via Veneto 19 Cesena, Tabaccheria Lala 73, Corso Cavour 100 Cesena, Turisadria Viaggi, Via Mazzini 119 Cesenatico

PREZZI DEI BIGLIETTI (*)
Parterre: abbonamento € 75; giornaliero € 45
Tribuna numerata: abbonamento € 55; giornaliero € 35
Distinti non numerati: abbonamento € 35 ; giornaliero €25
(*) Ai prezzi vanno aggiunti i diritti di prevendita del 10%

Un’altra notizia da considerare con grande attenzione riguarda le agevolazioni che MCA Events ha riservato ai tesserati FIT: i primi 500 che acquisteranno un abbonamento parterre o di tribuna numerata, verranno omaggiati con il libro “Maldafrica”, scritto e autografato da Lea Pericoli. Un’occasione unica per entrare in contatto con le storie e le esperienze di quella che può essere considerata una delle più grandi tenniste italiane di tutti i tempi.

I biglietti si possono prenotare inviando il modulo allegato all’indirizzo mail: tennis@mca-group.eu.
Nella mail sarà necessario indicare anche il numero di biglietti e il settore di preferenza.

MODULO PRENOTAZIONE CIRCOLI
]]>
Tue, 31 Jul 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ AUS OPEN - DAY 5 - Venerdì Murray, Wawrinka, Federer e Kerber - Seppi sfida Darcis per un posto negli ottavi ]]>
Viene programmato sulla Hisense Arena invece il terzo impegno di Andy Murray, che sulla strada per gli ottavi affronta lo statunitense Sam Querrey.
Per quanto riguarda la Margareth Court Arena, le stelle di giornata sono la veterana Venus Williams e Garbine Muguruza, numero 7 del seeding, tra le donne, mentre per il torneo maschile spazio al francese Jo-Wilfried Tsonga e il giapponese Kei Nishikori, numero 5 della classifica mondiale.

Sul fronte Italtennis occhi puntati sul campo numero 3 dove Andreas Seppi, dopo l’exploit ai danni di Nick Kyrgios, nel secondo incontro in programma va a caccia degli ottavi misurandosi con il belga Steve Darcis.

Rod Laver Arena
a partire dalle ore 11 (l'una di notte in Italia)
Eugenie Bouchard (CAN) c. Coco Vandeweghe (USA)
(1) Angelique Kerber (GER) c. Krystina Pliskova (CZE)
(4) Stan Wawrinka (SUI) c. (29) Viktor Troicki (SRB)
a partire dalle ore 19 (le 9 del mattino in Italia)
Ashleigh Barty (AUS) c. Mona Barthel (GER)
(10) Tomas Berdych (CZE) c. (17) Roger Federer (SUI)

Margareth Court Arena
a partire dalle ore 11 (l'una di notte in Italia)
(11) Elina Svitolina (UKR) c. (24) Anastasia Pavlyuchenkova (RUS)
(12) Jo-Wilfried Tsonga (FRA) c. (23) Jack Sock (USA)
Ying-Ying Duan (CHN) c. (13) Venus Williams (USA)
a partire dalle ore 19 (le 9 del mattino in Italia)
Lukas Lacko (SVK) c. (5) Kei Nishikori (JPN)
(32) Anastasia Sevastova (LAT) c. (7) Garbine Muguruza (ESP)

Hisense Arena
a partire dalle ore 11.30 (l'1.30 di notte in Italia)
Jelena Jankovic (SRB) c. (8) Svetlana Kuznetsova (RUS)
non prima delle ore 14.00 (le 4 del mattino in Italia)
(1) Andy Murray (GBR) c. (31) Sam Querrey (USA)
non prima delle ore 16 (le 6 del mattino in Italia)
(27) Bernard Tomic (AUS) c. Daniel Evans (GBR)

Questi i campi degli altri tennisti/e italiani/e:

Court 3
2° match dalle ore 11 (l’una di notte in Italia)
Andreas SEPPI (ITA) c. Steve Darcis (BEL)

Court 13
Alle ore 12 (le 2 di notte in Italia)
Karin KNAPP/Mandy Minella (ITA/LUX) c. (12) Andrea Hlavackova/Shuai Peng (SVK/CHN)


ORDINE DI GIOCO ]]>
Tue, 31 Jul 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ INTERNAZIONALI BNL D'ITALIA - Prequali: fase provinciale, i primi risultati ]]> Nel 2011, quando è stato lanciato il progetto “Pre-Qualificazioni” agli Internazionali BNL d’Italia, probabilmente nessuno osava pensare che avrebbe avuto un successo così travolgente. Sei anni fa 884 giocatori risposero all’appello. Nel 2016, grazie anche a una campagna di comunicazione e informazione sempre più capillare, aggressiva e mirata, oltre 9mila tennisti sono scesi in campo in singolare e doppio con un sogno nel cuore: giocare sotto i pini del Foro Italico, con i raccattapalle griffati e Federer, Djokovic o Murray che si allenano nel campo accanto.

La FIT non si ferma e lancia gli Internazionali BNL d’Italia – Prequalificazioni: per gareggiare basta avere la tessera FIT e possono iscriversi anche i non classificati. Come sottolineato nel 2016 i partecipanti sono stati oltre 9mila, un record. Cinque volte in più rispetto agli US Open Play-Off: un successo organizzativo che la FIT ora ha voluto estendere a tutte le province italiane.

SI COMINCIA DALLA FASE PROVINCIALE: ECCO I PRIMI RISULTATI – Ecco la grande novità del 2017: si parte appunto dalle province. I primi tornei sono cominciati già il 27 dicembre. Da ogni torneo i vincitori verranno promossi al tabellone regionale di conclusione della sezione quarta categoria in base al seguente quorum:
da 1 a 16 giocatori partecipanti: 1 qualificato
da 17 a 32 giocatori partecipanti: 2 qualificati
da 33 a 64 giocatori partecipanti: 3 qualificati
da 65 giocatori partecipanti: 4 qualificati
da 1 a 8 coppie partecipanti: 1 coppia qualificata
da 9 a 16 coppie partecipanti: 2 coppie qualificate
da 17 coppie partecipanti: 3 coppie qualificate

CALENDARIO TORNEI PROVINCIALI E RISULTATI

FASE REGIONALE – In ogni regione verrà organizzato un torneo di conclusione di quarta di singolare e doppio, maschile e femminile. Questi giocatori, inoltre, verranno inseriti come qualificati nel tabellone regionale di terza categoria dei tornei di pre-qualificazione. I suddetti tornei proseguiranno infatti a livello regionale con i tabelloni di terza categoria, seconda e finale. Le date dei tornei sono diversificate nelle varie zone d’Italia ed è possibile partecipare anche a più appuntamenti.

CALENDARIO TORNEI

WILD CARD PER GLI INTERNAZIONALI BNL D’ITALIA – Da ogni regione usciranno così i qualificati per la tappa finale al Foro Italico di Roma (dal 6 al 12 maggio 2017). Saranno sorteggiati due tabelloni di singolare maschile e femminile da 48 posti ciascuno e due tabelloni di doppio maschile e femminile da 16 coppie ciascuno valevoli per l’assegnazione delle wild card per gli Internazionali BNL d’Italia (13-21 maggio 2017) secondo le seguenti modalità:
singolare maschile: 2 wild card per il main draw
singolare femminile: 1 wild card per il main draw e 3 wild card per il tabellone delle qualificazioni
doppio maschile: 1 wild card per il main draw
doppio femminile: 1 wild card per il main draw

CAMPIONATI DI QUARTA CATEGORIA AL FORO – Per i giocatori di quarta categoria c’è un’ulteriore chance di giocare al Foro Italico a maggio. Dai tornei di conclusione di quarta, infatti, saranno ammessi ai Campionati di Quarta Categoria (sono accorpate alcune regioni: Piemonte e Val d’Aosta, Abruzzo e Molise, Basilicata e Puglia) due giocatori per regione nel singolare maschile e femminile e una coppia per regione nel doppio maschile e femminile. Saranno così incoronati i campioni italiani di quarta: appuntamento al Foro dal 19 al 21 maggio 2017. A tutti i qualificati verrà offerta l’ospitalità (albergo e pasti) per i giorni di svolgimento delle gare, oltre ad un rimborso forfettario chilometrico (ad esclusione dei qualificati del torneo laziale).

PRIZE MONEY – Tutti i tornei a partire dai tabelloni di conclusione di quarta categoria hanno un montepremi (il totale è 469.205 euro), che naturalmente aumenta via via che si salirà di livello.

TABELLA MONTEPREMI ]]>
Tue, 31 Jul 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ SPORT HOTEL KURZ - JUNIOR CLASSIC - Sei azzurrini ai quarti fra torneo maschile e femminile ]]> nella foto), terza testa di serie, Nicola Vidal e Federico Rebecchini, secondo favorito del torneo, e tra le ragazze di Elisa Visentin, quarta testa di serie, e Federica Rossi, numero 12 del seeding.
-----------------------

RISULTATI
"Sport Hotel Kurz - Junior Classic"
Itf Junior Circuit
Oberpullendorf, Austria
16 – 22 gennaio, 2017
Grade 4 – sintetico indoor

SINGOLARE MASCHILE
Quarti
(15) Federico Arnaboldi (ITA) c. (6) Zlatan Palazov (BUL)
(3) Gabriele Bosio (ITA) c. (7) Amadatus Admiraal (NED)
Nicola Vidal (ITA) c. (13) Luka Mrsic (AUT)
(2) Federico Rebecchini (ITA) c. (10) Filip Kucbel (SVK)

SINGOLARE FEMMINILE
Quarti
(4) Elisa Visentin (ITA) c. Sinja Kraus (AUT)
(12) Federica Rossi (ITA) c. Indianna Spink (GBR) ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ ITF JUNIOR TOURNAMENT 1 - Stop nei quarti per Contarino ]]> -----------------------

RISULTATI
"ITF Junior Tournament 1"
Tennis Junior Circuit
Ramat-Gan, Israele
16 - 21 gennaio, 2017
Grade 5 - cemento

SINGOLARE
Quarti
(5) Sergio Gomez Montesa (ESP) b. Matteo Contarino (ITA) 61 36 64 ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ 9th UAE - FUJAIRAH ITF JUNIOR CHAMPIONSHIPS - Furlanetto e Zeppieri in semifinale, Amendola out ]]> nella foto), settima testa di serie, ha sconfitto nei quarti per 75 57 61 il finlandese Otto Virtanen, numero 4 del tabellone, mentre Zeppieri, reduce dal successo di sabato scorso ad Abu Dhabi, si è imposto per 64 62 sul pakistano Muzammil Murtaza. Venerdì i due azzurrini dovranno vedersela, rispettivamente, con il sudafricano Matthews Johnson e con lo svizzero Aaron Schmid, che sono i primi due favoriti del torneo.
Stop nei quarti, invece, per Alice Amendola, battuta per 64 63 dalla georgiana Mariam Dalakishvili, seconda favorita del seeding.
-----------------------

RISULTATI
"9th UAE - Fujairah ITF Junior Championships"
Tennis Junior Circuit
Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti
16 - 21 gennaio, 2017
Grade 4 - cemento

SINGOLARE MASCHILE
Quarti
(7) Marco Furlanetto (ITA) b. (4) Otto Virtanen (FIN) 75 57 61
Giulio Zeppieri (ITA) b. Muxammil Murtaza (PAK) 64 62

Semifinali
(7) Marco Furlanetto (ITA) c. (1) Matthews Johnson (RSA)
Giulio Zeppieri (ITA) c. (2) Aaron Schmid (SUI)

SINGOLARE FEMMINILE
Quarti
(2) Mariam Dalakishvili (GEO) b. Alice Amendola (ITA) 64 63 ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ FRANCIA F2 - Caruso centra i quarti ]]> nella foto) si è qualificato per i quarti di finale del 15mila dollari di Bressuire, in Francia: al secondo turno il 24enne siciliano, passato attraverso le qualificazioni ma accrreditato poi come prima testa di serie, ha regolato per 64 62 il francese Ronan Joncour. Prossimo ostacolo per lui un altro tennista di casa, Gregoire Jacq, settimo favorito del torneo, che all'esordio aveva sconfitto l'altro italiano Giovanni Fonio, proveniente dalle qualificazioni.
------------------------------------------------

RISULTATI
"17èmes Internationaux de Bressuire"
Itf Future Circuit
Bressuire, Francia
16 – 22 gennaio, 2017
$15.000 – cemento indoor

SINGOLARE
Primo turno
(1, q) Salvatore Caruso (ITA) b. Alexis Musialek (FRA) 63 63
(7) Gregoire Jack (FRA) b. (q) Giovanni Fonio (ITA) 62 61

Secondo turno
(1, q) Salvatore Caruso (ITA) b. Ronan Joncour (FRA) 64 62

Quarti
(1, q) Salvatore Caruso (ITA) c. (7) Gregoire Jacq (FRA) ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ TUNISIA F2 - Ghedin vince il derby con Bortolotti ed è ai quarti, fuori Ornago e Salviato ]]> nella foto) approda ai quarti di finale del 15mila dollari di Hammamet, in Tunisia. Il 26enne trevigiano ha fatto suo con il punteggio di 26 63 63 il derby tricolore con Marco Bortolotti, settima testa di serie, e sfiderà il vincente del match tra l’ungherese Attila Balasz, numero 2 del tabellone, e il montenegrino Rrezart Cungu (qualificato).
Escono al secondo turno invece Fabrizio Ornago, sconfitto 62 64 dal portoghese Goncalo Oliveira, numero 8 del seeding, e Francesco Salviato, passato attraverso le qualificazioni, che ha ceduto per 36 62 63 all’altro lusitano Joao Domingues, terzo favorito del torneo.
------------------------------------------------

RISULTATI
" Hammamet Open"
Itf Future Circuit
Hammamet, Tunisia
16 - 22 gennaio, 2017
$15.000 - terra

SINGOLARE
Primo turno
(q) Francesco Salviato (ITA) b. (q) Mikalaj Aliak (BLR) 61 46 64
Nerman Fatic (BIH) b. (q) Francesco Ferrari (ITA) 62 63
Fabrizio Ornago (ITA) b. (q) Alexander Lebedyn (UKR) 63 64
(7) Marco Bortolotti (ITA) b. (wc) Youssef Dabbabi (TUN) 62 63
Nicola Ghedin (ITA) b. (LL) Louis Dussin (FRA) 60 76(3)
(2) Attila Balasz (HUN) b. (wc) Tommaso Gabrieli (ITA) 60 62

Secondo turno
(3) Joao Domingues (POR) b. (q) Francesco Salviato (ITA) 36 62 63
(8) Goncalo Oliveira (POR) b. Fabrizio Ornago (ITA) 62 64
Nicola Ghedin (ITA) b. (7) Marco Bortolotti (ITA) 26 63 63

Quarti
Nicola Ghedin (ITA) c. vinc. (q) Rrezart Cungu (MNE)-(2) Attila Balasz (HUN) ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ KOBLENZ CHALLENGER - Giannessi eliminato ]]> nella foto) è stato eliminato al secondo turno del "Koblenz Open", torneo challenger Atp dotato di un montepremi di 43.000 euro in corso sui campi in cemento di Coblenza, in Germania. Il 26enne mancino di La Spezia, numero 123 del ranking e quarta testa di serie, si è fatto sorprendere dal tedesco Nils Langer, numero 357 Atp e proveniente dalle qualificazioni, che si è imposto con il severo punteggio di 62 60.
----------------

RISULTATI
"Koblenz Open"
Atp Challenger
Coblenza, Germania
15 – 23 gennaio 2017
€43.000 - cemento indoor

SINGOLARE
Primo turno
Gregoire Barrere (FRA) b. Federico Gaio (ITA) 64 26 62
(4) Alessandro Giannessi (ITA) b. Franko Skugor (CRO) 64 76(5)

Secondo turno
(q) Nils Langer (GER) b. (4) Alessandro Giannessi (ITA) 62 60 ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ IL POTERE LOGORA CHI NON CE L’HA - Confuso e falloso: non è più il Nole cannibale ]]>
Nole ha perso l’occhio della tigre, la sua determinazione quasi selvaggia. A Melbourne si è fatto infilzare da tal Istomin, onesto mestierante uzbeko precipitato fuori dai primi 100. Uno che in precedenza aveva giocato 33 volte contro un top ten e ci aveva vinto una volta soltanto (con Ferrer). Uno con cui lo scorso anno si sarebbe forse a mala pena allenato. Invece ci ha perso. Uno che è qui a Melbourne quasi per caso, avendo vinto un torneo asiatico organizzato da Tennis Australia che metteva in palio una wild card. Lo ha fatto annullando in semifinale tre match point al carneade indiano Gunneswaran.

Sintomi da bollitura precoce? In fondo Nole ha solo 29 anni. E’ celiaco e si sa: non sarà la dieta vegana che segue? Di certo è smunto da far paura. Troppo. Sta di fatto che una partita così il vero Djokovic, non la copia sbiadita attuale, mai se la sarebbe fatta scippare. Perso al tie break il primo set, il tennista di Belgrado sembrava aver rimesso le cose in ordine annullando al rivale due set point e vincendo secondo e terzo parziale, quest’ultimo agevolmente. In campioni come il serbo concedono una opportunità agli avversari, non una seconda. Se sono in sé. E invece è accaduto l’imponderabile. Istomin ha ripreso a macinare punti sfruttando i tanti errori gratuiti dell’avversario sempre più mogio e poco reattivo (72 in totale, un’enormità per l’ex number one) e Djokovic si è lasciato trascinare alla deriva, si è consegnato. E’ sembrato rassegnato all’inevitabile. Le sue parole in conferenza stampa fanno riflettere. Perché il primo a non riuscire a darsi una spiegazione è lui stesso: “E’ stata una partita molto lunga, non sono riuscito a mantenere la giusta intensità”, ha sottolineato. Allora è una questione fisica, gli hanno domandato: “No, perché dopo cinque ore di match correvo ancora…”. Quindi il problema è mentale, ha provato qualcuno. “Questo lo dite voi. Fate voi…”, ha ribattuto. Un mistero, insomma. Certo è che questo ennesimo ceffone in pieno viso dopo Wimbledon, le Olimpiadi, New York e il resto, rischia di segnare l’intera stagione del serbo. Non usciva di scena in uno Slam al secondo turno dal lontano 2008. No, questo non è più Nole. Quello si è perso in un pomeriggio parigino di oltre sei mesi fa. Il suo ultimo squillo. ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ ZVEREV-TIAFOE, NEXTGEN E’ GIA’ QUI - Il candidato al n.1 domina l’ex rivale juniores ]]>
Zverev, oggi, ha troppi centimetri (dieci, visto che è alto 1.98 e il rivale 1.88) e servizio e potenza (pesa 86 chili contro i 77 dell’americano) in più rispetto a Tiafoe, che ha messo in luce grande visione di gioco e completezza di colpi, sin dallo storico successo, da quindicenne, all’Orange Bowl under 18 del 2013, diventando il più giovane campione di sempre nei 67 anni di storia del classico torneo giovanile in Florida. Quando si aggiudicò anche il doppio in coppia con la grande promessa italiana Filippo Baldi, proprio contro i grandi amici Zverev e Rublev (per 63 67 10-8!). A Melbourne, contro Zverev, i bookmaker davano vincente Tiafoe soltanto a 5, anche guardando la classifica mondiale dei due (n. 24 Sascha, che è nato il 20 aprile del 1997, numero 108 Frances, che è del 20 gennaio 1998, e festeggia domani i 19 anni), una classifica fatta di tornei Atp già di primo livello, per Zverev, candidato a prossimo numero 1 del mondo, e di tornei challenger per lo statunitense, che giocava per la prima volta un secondo turno Slam. Come dice anche il conto ufficiale di premi Atp: 2.5 milioni di dollari il biondino tedesco, 331mila l’americano 

Del resto, Sascha, motivatissimo dalla corsa in parallelo col fratello Mischa che era già approdato al terzo turno a Melbourne, aveva superato un test significativo contro il coriaceo Robin Haase, sprintando negli ultimi due set con un parziale di 12 games a 3, rimontando da due set a uno, recuperando un break al quarto, beccandosi un’ammonizione per aver distrutto una racchetta, ed imponendosi infine al quinto, dopo quasi tre ore di battaglia sotto il sole. Mentre Tiafoe, promosso dalle qualificazioni, aveva controllato Kukushkin concedendogli appena un tie-break. E’ chiaro che lo scalino più alto da superare per i giovani talenti all’impatto col professionismo è soprattutto fisico, infatti la famiglia Zverev ha assoldato Jez Green, il preparatore atletico che aveva aiutato Andy Murray nella transizione a super-eroe, potente e resistente per gli sforzi del Tour. Eppoi, a dividere Zverev e Tiafoe, c’è un anno di esperienza in più sul circuito Atp, con lo statunitense che, meno di due anni fa era 1.145 del mondo, a fine 2015 era già schizzato al 176 ed è diventato, a fine 2016, uno dei quattro teenagers nei “top 100”, il secondo americano, insieme al 19enne Taylor Fritz. Una buona notizia che il tennis Usa attendeva dal 1990, quando i precocissimi Michael Chang e Pete Sampras erano addirittura numero 10 e 14 della classifica. Con altre rosee prospettive nazionali guardando ai 20 anni di Jared Donaldson (n. 101), ai 18 di Stefan Kozlov (120), ai 20 di Ernesto Escobedo (131), ai 19 di Michael Mmoh (190) e ai 20 di Noah Rubin (200), il campione di Wimbledon juniores 2014 che ha strappato tanti complimenti a Roger Federer giorni fa, e che si allena, come Tiafoe, con coach Robby Ginepri, semifinalista agli Us Open 2005. ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ ITF JUNIOR TOURNAMENT 1 - Contarino ai quarti ]]> -----------------------

RISULTATI
"ITF Junior Tournament 1"
Tennis Junior Circuit
Ramat-Gan, Israele
16 - 21 gennaio, 2017
Grade 5 - cemento

SINGOLARE
Quarti
Matteo Contarino (ITA) c. (5) Sergio Gomez Montesa (ESP) ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ 9th UAE - FUJAIRAH ITF JUNIOR CHAMPIONSHIPS - Quarti per Furlanetto, Zeppieri e Amendola ]]> nella foto), settima testa di serie, sfiderà il finlandese Otto Virtanen, numero 4 del tabellone, per un posto in semifinale mentre Giulio Zeppieri, reduce dal successo di sabato scorso ad Abu Dhabi, dovrà vedersela con il pakistano Muzammil Murtaza.
In campo femminile Alice Amendola troverà dall'altra parte della rete la georgiana Mariam Dalakishvili, seconda favorita del torneo.
-----------------------

RISULTATI
"9th UAE - Fujairah ITF Junior Championships"
Tennis Junior Circuit
Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti
16 - 21 gennaio, 2017
Grade 4 - cemento

SINGOLARE MASCHILE
Quarti
(7) Marco Furlanetto (ITA) c. (4) Otto Virtanen (FIN)
Giulio Zeppieri (ITA) c. Muxammil Murtaza (PAK)

SINGOLARE FEMMINILE
Quarti
Alice Amendola (ITA) c. (2) Mariam Dalakishvili (GEO) ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ ITF ANTALYA - Caregaro fuori al secondo turno ]]> nella foto) è uscita di scena al secondo turno del 15mila dollari di Antalya, in Turchia: la 24enne giocatrice di Aosta, accreditata della terza testa di serie, ha ceduto per 75 61 alla colombiana colombiana Maria Fernanda Herazo Gonzalez.
-------------------------------------

RISULTATI
"GD Tennis Cup"
Itf Pro Circuit
Antalya, Turchia
16 - 22 gennaio, 2017
$15.000 - terra

SINGOLARE
Primo turno
(3) Martina Caregaro (ITA) b. (q) Anastasia Bursa (RUS) 76(3) 63

Secondo turno
Maria Fernanda Herazo Gonzalez (COL) b. (3) Martina Caregaro (ITA) 75 61 ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ BENE SERENA E PLISKOVA - RADWANSKA FUORI - Al terzo turno Cibulkova, Konta e Wozniacki ]]>
‘AGA’ CADE SOTTO I COLPI DELLA REDIVIVA LUCIC-BARONI - Saluta invece Melbourne al secondo turno Agnieszka Radwanska. In un giovedì nerissimo anche per lei (come per Novak Djokovic) la polacca, numero 3 della classifica mondiale e del tabellone, ha subito una dura lezione dalla croata Mirjana Lucic-Baroni, numero 79 Wta: 63 62 il punteggio in favore della 34enne ex ragazza prodigio del circuito, trionfatrice di questo torneo in doppio nel 1998, all’età di 16 anni, unica edizione in cui aveva vinto un match a livello individuale nel primo Slam stagionale (i 19 anni che separano questi due successi sono un record come distanza di tempo). "Ho potuto fare ben poco, lei ha giocato senza alcuna pressione, spingendo al massimo tutti i colpi”, il commento di ‘Aga’, molto delusa, anche perché aveva raggiunto la semifinale nel 2016. Per Lucic-Baroni (di marito italiano), apparsa quasi incredula dopo l’ultimo punto – probabilmente anche per la lunga pausa di carriera tra 2002 e 2010 – al terzo turno ci sarà la greca Maria Sakkari, numero 94 Wta, che ha piegato 64 al terzo la francese Alizé Cornet, numero 43 Wta e 28esima testa di serie.

KAROLINA PLISKOVA VA VELOCE - Viene forse da pensare che abbia fretta Karolina Pliskova, o comunque che voglia rimanere in campo il meno possibile, almeno in questa fase iniziale. Già, perché dopo i due game concessi all’esordio alla spagnola Sara Sorribes Tormo, numero 106 Wta, la giocatrice ceca, numero 5 della classifica mondiale e del seeding, si è ripetuta al secondo turno contro la 18enne russa Anna Blinkova, numero 189 Wta, passata attraverso le qualificazioni e reduce dal successo sulla romena Monica Niculescu, numero 32 del ranking: 60 62 in 59 minuti per la finalista degli ultimi US Open (9 ace), fin qui una delle più convincenti tra le attese protagoniste del primo Slam dell’anno. Sul ruolo che potrà effettivamente recitare la Pliskova in questo torneo (tanti la indicano tra le favorite anche alla luce del titolo vinto dominando a Brisbane) comincerà ad essere indicativo già il prossimo esame, contro la lettone Jelena Ostapenko, 19enne di Riga, numero 38 Wta che ha lasciato appena quattro giochi (63 61) alla kazaka Yulia Putintseva.

CIBULKOVA, KONTA E WOZNIACKI AVANTI - Nella metà inferiore del tabellone femminile proseguono il loro cammino anche Dominika Cibulkova e Johanna Konta. La ‘maestra’ slovacca, numero 6 del ranking e del seeding, finalista a Melbourne nel 2014, ha regolato 64 76(8) la cinese di Taipei Su-Wei Hsieh, numero 91 Wta, ma al terzo turno non si concretizza l’auspicato antipasto di Fed Cup, visto il ritiro a cui è stata costretta Sara Errani contro la mancina russa Ekaterina Makarova, n.34 Wta e trentesima testa di serie. Dal canto suo la britannica, reduce dal successo a Sydney la settimana scorsa che l’ha portata in nona posizione in classifica mondiale – stesso rango nel seeding -, non ha avuto problemi per superare la giapponese Naomi Osaka, numero 48 Wta. Sulla strada per gli ottavi la Konta trova ora la danese Caroline Wozniacki, numero 20 Wta e 17esima testa di serie, che sta proseguendo spedita il proprio cammino (si è sbarazzata di Donna Vekic con un perentorio 61 63) in un torneo che l’ha vista in passato semifinalista.

BRADY ANNULLA 5 MATCH POINT ALLA WATSON - In tema di suddite di sua maestà la Regina, ha di che mangiarsi le mani al contrario Heather Watson, numero 81 Wta, per aver mancato 5 match point contro la yankee Jennifer Brady, numero 119 del ranking: sarà la 21enne di Harrisburg, partita dalle qualificazioni, a contendere un posto agli ottavi di finale alla russa Elena Vesnina, numero 18 Wta e 14esima testa di serie.

RISULTATI GIOVEDI’ – 2° turno: (5) Karolina PlIskova (CZE) b. Anna Blinkova (RUS) 60 62, Jelena Ostapenko (LAT) b. (31) Yulia Putintseva (KAZ) 63 61, (22) Daria Gavrilova (AUS) b. Ana Konjuh (CRO) 62 16 64, (12) Timea Bacsinszky (SUI) b. Danka Kovinic (MNE) 61 76(5), (14) Elena Vesnina (RUS) b. Mandy Minella (LUX) 63 63, Jennifer Brady (USA) b. Heather Watson (GBR) 26 76(3) 108, Maria Sakkari (GRE) b. (28) Alizè Cornet (FRA) 75 46 61, Mirjana Lucic-Baroni (CRO) b. (3) Agnieszka Radwanska (POL) 63 62, (6) Dominika Cibulkova (SVK) b. Su-Wei Hsieh (TPE) 64 76(8), (30) Ekaterina Makarova (RUS) b. Sara Errani (ITA) 62 3-2 rit., (17) Caroline Wozniacki (DEN) b. Donna Vekic (CRO) 61 63, (9) Johanna Konta (GBR) b. Naomi Osaka (JPN) 64 62, (21) Caroline Garcia (FRA) b. Oceane Dodin (FRA) 67 (3) 64 64, (16) Barbora Strycova (CZE) b. Andrea Petkovic (GER) 60 75, (21) Caroline Garcia (FRA) b. Oceane Dodin (FRA) 67(3) 64 64, Nicole Gibbs (USA) b. Irina Falconi 64 61, (2) Serena Williams (USA) b. Lucie Safarova (CZE) 63 64.


SINGOLARE FEMMINILE ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ RIMPIANTI E RABBIA PER FOGNINI - Montagne russe con Paire: il 5° set è fatale ]]> “Con lui all’inizio non ci capisco mai nulla - confessa Fabio - del resto è fatto così. Tira un ace, gioca una palla corta, non ti dà ritmo”.
Però c’è stata la rimonta e il sorpasso, i tre set point annullati da Paire sul 6-5 per l’azzurro e il tie break giocato maluccio da Fabio. Che ha reagito alla grande nel secondo parziale e nel quarto dopo aver ceduto il terzo. Il quinto e decisivo set è stata una battaglia: Fognini ha avuto una palla break sul 2-2, ha ceduto il turno di battuta sul 4-3 e nel game seguente si è arreso al secondo match point, dopo aver avuto due palle per recuperare il break di svantaggio e rientrare. Un game da pazzi con una serie di punti da urlo: un lob del ligure sulla riga, un demi volée incredibile del francese, per ricordare solo alcuni colpi. Del resto sia Fognini che Paire non sono due tipi ordinari, tutt’altro. Ne è venuto fuori un match stile montagne russe al luna park. Punti da urli e gentili omaggi da parte di entrambi. “Ho avuto le mie chance e purtroppo non le ho sfruttate - sottolinea Fabio. Mi è girato tutto male nei momenti decisivi e poi in quell’ultimo game l’arbitro ha preso un paio di decisioni sbagliate. Un suo servizio era chiaramente fuori. Non cerco scuse, ma è così. Mi è girata male. Mi rode aver perso un match tirato, sul filo dei punti. Ma c’è la consapevolezza di aver offerto una buona prestazione”. Aspetto importante anche in chiave Davis: “Ora rientro a casa, poi ci attende la sfida di Buenos Aires. Rientrerà Bolelli e siamo un ottimo gruppo. Ce la giocheremo, ne sono certo”.

Già qualificato al terzo turno Andreas Seppi, che ieri ha eliminato l’australiano Nick Kyrgios, numero 13 Atp e 14 del seeding, rimontando all’avversario più giovane di 11 anni due set e annullando un match point: 16 67 (1) 64 62 10-8. Due anni fa proprio il giovane australiano lo aveva fermato negli ottavi (al turno precedente l’azzurro aveva clamorosamente eliminato Federer) rimontando due set e annullando un match point con un ace. Questa volta è andata esattamente al contrario: è stato Andreas a completare una splendida rimonta e sempre sullo stesso campo, l’Hisense Arena. L’altoatesino, numero 89 Atp, 32 anni il prossimo 21 febbraio, disputa per la dodicesima volta il primo Slam dell’anno dove ha raggiunto in due occasioni gli ottavi (2013 e 2015). Domani al terzo turno affronterà il belga Steve Darcis, 32 anni e numero 71 Atp, che ha sconfitto in quattro set (63 63 26 64) l’argentino Diego Schwartzman e in passato non aveva mai superato il primo turno agli Australian Open. C’è un solo precedente, vinto da Seppi, che risale al challenger di Mons nel 2011.

-------------------------------------------

RISULTATI
“Australian Open”
Grand Slam
Melbourne, Australia
16 - 29 gennaio, 2017
Aus$ 50.000.000 - cemento

SINGOLARE
Primo turno
(10) Thomas Berdych (CZE) b. (q) Luca Vanni (ITA) 61 ritiro
Paolo Lorenzi (ITA) b. James Duckworth (AUS) 64 76(4) 67(4) 64
Andreas Seppi (ITA) b. Paul-Henri Mathieu (FRA) 64 76(4) 67(3) 75
Donald Young (USA) b. (q) Thomas Fabbiano (ITA) 64 76 (1) 64
Fabio Fognini (ITA) b. (28) Feliciano Lopez (ESP) 75 63 75

Secondo turno
(29) Viktor Troicki (SRB) b. Paolo Lorenzi (ITA) 63 16 76 (3) 36 63
Andreas Seppi (ITA) b. (14) Nick Kyrgios (AUS) 16 67 (1) 64 62 10-8
Benoit Paire (FRA) b. Fabio Fognini (ITA) 76 (3) 46 63 36 63

Terzo turno
Andreas Seppi (ITA) c. Steve Darcis (BEL) - venerdì, 2° match dall'una di notte in Italia, Show Court 3

DOPPIO
Jerzy Janowicz/Marcin Matkowski (POL) b. Fabio Fognini/Fernando Verdasco (ITA/ESP) 75 64
(6) Raven Klaasen/Rajeev Ram (RSA/USA) b. Aliaksandr Bury/Paolo Lorenzi (BLR/ITA) 63 75

QUALIFICAZIONI MASCHILI
Primo turno
Blaz Kavcic (SLO) b. Matteo Donati (ITA) 62 3-3 rit.
(2) Frances Tiafoe (USA) b. Marco Cecchinato (ITA) 63 57 75
Mirza Basic (BIH) b. Lorenzo Giustino (ITA) 36 63 62
(31) Thomas Fabbiano (ITA) b. Bradley Klahn (USA) 61 67(3) 63
Jan Satral (CZE) b. (12) Alessandro Giannessi (ITA) 76(6) 76(4)
Luca Vanni (ITA) b. Federico Gaio (ITA) 57 62 63
(30) Vincent Millot (FRA) b. Riccardo Bellotti (ITA) 63 61
Reilly Opelka (USA) b. Stefano Napolitano (ITA) 75 63

Secondo turno
(31) Thomas Fabbiano (ITA) b. Akira Santillan (JPN) 46 64 62
Luca Vanni (ITA) b. Alexander Sarkissian (USA) 36 63 62

Turno di qualificazione
(31) Thomas Fabbiano (ITA) b. Andre Ghem (BRA) 64 76(4)
Luca Vanni (ITA) b. Jan Satral (CZE) 46 64 64

SINGOLARE MASCHILE ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ ERRANI, SFORTUNA E DOLORE - Sara esce in lacrime: subito esami e cure ]]>
Nella serata australiana, prima di rientrare in Italia, la Errani si è sottoposta ad un’ecografia a Melbourne. “Sara ha sentito tirare in un punto dove aveva accusato qualche fastidio già nei giorno scorsi - spiega il professor Pier Francesco Parra, responsabile dello staff medico azzurro e presente qui in Australia - per l’esattezza tra il tendine d’Achille della gamba destra e il gemello esterno. L’ecografia ha evidenziato un piccolo versamento, ma non sembra che ci siano lesioni. Bisognerà però ripetere l’esame tra 72 ore in Italia per valutare l’entità dell’infortunio”.

Sara nel primo set aveva provato ad arginare la maggior aggressività della rivale (alla fine si sono contati 27 vincenti contro con 29 errori gratuiti): 62 in 34 minuti, con l’azzurra sempre in sofferenza nei turni di battuta. Ma la Errani è una grande combattente e non si arrende mai senza averle provate tutte. Ha cercato di incanalare il match sul terreno della lotta, in cui certamente è superiore alla russa, che continuava a fare e disfare con la stessa disinvoltura. Poi sul 3-3 nel secondo parziale (era anche stata avanti di un break) il ritiro contro un’avversaria che agli Australian Open vanta la semifinale nel 2015 (e altri due quarti), oltre a quella giocata nel 2014 agli US Open. La Errani era già stata costretta al forfait ad Hobart alla vigilia di Melbourne. Nello Slam Down Under il suo miglior risultato è il quarto di finale del 2012, quando fu fermata da Petra Kvitova.

“Peccato perché nel secondo set ero in lotta”, sottolinea Sara, che è uscita in lacrime e le cui condizioni destano qualche preoccupazione in vista della sfida di Fed Cup dell’11 e 12 febbraio a Forlì contro la Slovacchia, anche se mancano tre settimane all'appuntamento. “Come sto? Non benissimo perché cammino a fatica. Avevo già male due giorni fa durante il primo turno contro la Ozaki, oggi ho sentito una fitta alla gamba destra sul 3-3 del secondo set e mi sono subito fermata, proprio non potevo continuare. Già la scorsa settimana avevo saltato il torneo di Hobart per un problema muscolare, ma alla gamba sinistra. Magari sarà perché ho cambiato tipo di preparazione, lavoro in modo diverso, ma devo capire perché succede tutto ciò. Soprattutto capita troppo spesso ultimamente. Non è il tendine d’Achille ed è già una buona notizia. Mi sono già cancellata dal doppio”. ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ ON LINE LA RIVISTA SETTIMANALE - Tutti a Melbourne per il primo Slam dell'anno ]]> Campione, che ti passa per la testa?

di Enzo Anderloni

Ma cosa ti passa per la testa? È la domanda inevitabile che continua a ronzarti dentro pensando alla sequenza che resta più impressa all’esordio degli Australian Open 2017: quella di Stan Wawrinka che al quinto set del 1° turno, sul 4-4 15-30, servizio suo, spara un’incredibile bordata negli zebedei dello slovacco Martin Klizan che se ne sta lì fermo, dritto in piedi, arreso con la racchetta abbassata, al centro del campo consapevole di aver completamente “cannato” una demi-volée alzando un assurdo lob. Wawrinka è un fenomeno, ha tutto il campo libero, deve colpire una palla di rimbalzo a metà campo… e gliela tira negli zebedei. Il caso vuole che la racchetta, tenuta rassegnata come una coda tra le gambe, protegga con uno spigolo la vita di Klizan. Che subisce comunque il colpo e crolla, mentalmente. Non fa più un punto.

A fine partita tutti d’accordo sulla non intenzionalità, sul fatto che lo svizzero in un momento tanto teso della partita (un errore avrebbe concesso due palle break “simil match-point” a Klizan) abbia guardato solo quella palla da colpire e sparato chiudendo gli occhi. E infatti è saltato subito di là dalla rete per soccorrere il rivale, fino a quel punto irriducibile, in ginocchio. Ma l’episodio la dice lunga sul carico di tensioni pazzesco che il nostro sport porta sul campo mettendo a nudo i nervi e il cuore di tutti. A qualunque livello. A un certo punto ti si può anche annebbiare la vista…

Così succede anche che Roger Federer scenda in campo dopo sei mesi di assenza nel boato dei 27 mila adoranti della Rod Laver Arena e stecchi le prime quattro palle come un dilettante. O che il giovane Sasha Zverev, nuovo astro Next Gen dal servizio bomba, si trovi sotto 2 set a 1 contro il veterano olandese Robin Haase. E si faccia breakkare nel game di apertura del quarto. Reazione del tedeschino predestinato e beneducato? Uno scatto di nervi che neanche il vecchio Fognini e la racchetta va in frantumi, sbattuta e risbattuta con rabbia sul duro di Melbourne. Partita finita? Il contrario. Da lì la rinascita. E la vittoria al quinto. E a proposito di Fognini, è assolutamente inedito l’aplomb con cui ha gestito due set point falliti nella seconda partita e ben 7 matchpoint scappati via, prima di battere un avversario molto ostico e molto meglio classificato come Feliciano Lopez (con cui in passato aveva pure avuto da ridire...)

Momenti come questi spesso passano alla storia perché i loro protagonisti, salvi sull’orlo del burrone o comunque scossi dal brivido di situazioni imprevedibili, da lì traggono un’energia che li accompagna alla vittoria. O comunque a un salto di qualità. Il tennis è meraviglioso e affascinante proprio in questi dettagli, attimi unici da cogliere a bordo campo che svelano storie umane di impensata complessità.

È dunque una splendida novità che SuperTennis Tv stia raccontando a tutti, in chiaro sul canale 64 del digitale terrestre, proprio questo aspetto più vero, il torneo “da dentro”, da “dietro le quinte” con i suoi appuntamenti live quotidiani Melbourne Today. Una nuova opportunità per cogliere il senso più profondo del nostro sport. E goderselo ancora di più poi sul campo.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 2 - 2017

RIVISTA SUPERTENNIS

Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf.

SuperTennis Magazine – Anno XIII – n.2– 18 gennaio 2017
In questo numero
Prima pagina –Che ti passa per la testa Pag.3
Circuito Atp e Wta – La prima volta a nche il Re è nervoso Pag.4
Focus Next Gen: Che bel saltino, cangurino De Minaur! Pag.8
Terza pagina – Krajicek, l’olandese gigante Pag.10
I numeri della settimana: Nole e i magnifici 7 Pag.12
Il tennis in tv – Tutto sull’Australia in “Melbourne Today” Pag.13
In Italia – Lo certifica l’ITF: abbiamo maestri d’oro Pag.15
Pre-qualificazioni IBI17: i Provinciali vanno forte Pag.16
Notizie dalle regioni – Piemonte, Toscana, Puglia, Basilicata, Sicilia Pag.17
Circuito Fit-Tpra – Gli Australian Open regione per regione Pag.21
Paddle – Coppie da Scudetto Pag.22
Personal coach: Le 4 chiavi tecniche dello smash perfetto Pag.24
Racchette e dintorni – Nuova Instict e le altre, nate per spingere forte Pag.26
La regola del gioco – Come si sanziona un anti-sportivo? Pag.28

]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ TROFEO TENNIS FIT - KINDER+SPORT 2017 - Il 3 febbraio il via dell’edizione 2017 - Sono 147 i tornei in 19 regioni d’Italia ]]> Sono previste 10 tappe speciali presso i Centri Estivi FIT di Brallo, Serramazzoni, Castel di Sangro e Terrasini. Chiuderà la manifestazione itinerante il Master Nazionale dal 22 al 30 agosto (sede da definire), al quale parteciperanno i vincitori e i finalisti delle tappe del circuito.
Potranno partecipare tutti i giovani talenti del tennis italiano di età compresa tra i 9 e i 16 anni, tesserati con la FIT: il circuito, giunto alla dodicesima edizione, è riconosciuto e inserito nella attività federali.

Al fianco del circuito c’è anche SuperTennis. La televisione della Federazione Italiana Tennis racconterà la manifestazione con servizi e curiosità. SuperTennis è visibile gratuitamente sul canale 64 del digitale terrestre, in HD sulla piattaforma satellitare SKY canale 224 e sul numero 30 di Tivùsat, oltre che in simulcast streaming su www.supertennis.tv.
Il circuito “Trofeo Tennis FIT Kinder + Sport” è cresciuto anno dopo anno: nel 2016 sono stati 18.200 i partecipanti in totale. In 1.200 hanno preso parte al Master Nazionale, che si è giocato sui campi del Foro Italico Sempre nel 2016, come ormai tradizione, sono stati coinvolti i campioni del tennis mondiale: Nicola Pietrangeli e Simone Bolelli sono stati in visita al Foro Italico.

Kinder + Sport Joy of Moving è il progetto internazionale di responsabilità sociale sviluppato dal Gruppo Ferrero in oltre 30 paesi, volto a sostenere l'attività fisica tra le giovani generazioni. Il programma nasce dalla consapevolezza che una vita attiva è un elemento essenziale per bambini, ragazzi e famiglie. L'obiettivo di Kinder + Sport è quello di aumentare i livelli di attività fisica tra le giovani generazioni, dando loro la possibilità di sviluppare una maggiore abilità motoria e poterli aiutare ad acquisire comportamenti corretti e atteggiamenti sociali ed etici.
Il gruppo Ferrero ha posto l’educazione al centro del progetto, per aiutare i bambini a crescere con i valori dello sport e della vita, come l'onestà, l'amicizia, l'unità e la fiducia negli altri.

Segui l’evento anche su:
www.federtennis.it - www.trofeotennis.it - www.kinderpiusport.it

IL CALENDARIO DEI TORNEI

IL REGOLAMENTO
]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ CORSO FORMAZIONE ISTRUTTORE 1° LIVELLO - BEACH TENNIS LAZIO - Presentazione domande: proroga al 3 febbraio ]]> Si ricorda che le domande, corredate della documentazione richiesta, devono pervenire, solo e solamente, tramite mail da indirizzare a bandiconcorso.isf@federtennis.it
Il Corso si svolgerà dal 10 al 12 febbraio p.v. presso una sede da definire.

In allegato il Bando, comprensivo anche della domanda di ammissione.

BANDO PER ISTRUTTORE DI 1° LIVELLO DI BEACH TENNIS

P.S. le sedi e le date di tutti gli altri Corsi che si svolgeranno nel 2017 si possono consultare nella bacheca del sito federale www.federtennis.it (nella news riguardante l’ISF "ROBERTO LOMBARDI" - Attività, Bandi e date 2017) o nel portale dell’Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”. ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ DJOKOVIC KO: CHOC A MELBOURNE - Nole crolla contro Istomin. Niente settimo titolo ]]> Nessun problema invece per Milos Raonic, Rafael Nadal e Sascha Zverev, approdati regolarmente al terzo turno: passa anche Dominic Thiem che lascia un set all’australiano Thompson. Con l'uscita di scena del serbo la parte bassa del tabellone è diventata terra di conquista.

NOLE CHE KO! - Istomin aveva giocato 33 volte contro un top ten ed aveva vinto una volta soltanto (contro David Ferrer al terzo turno di Indian Wells 2012, quando lo spagnolo era il numero 5 del mondo). Adesso, dopo l’impresa messa a segno a Melbourne, sono diventate due. Inoltre Denis aveva affrontato già due volte Nole a Melbourne, e ci aveva sempre perso in tre set. La cronaca. Che per Djokovic sarebbe stata dura lo si è capito fin dal primo game, con Nole al servizio, durato ben 24 punti (e ben 6 palle-break salvate). Il numero due del seeding, sei volte trionfatore a Melbourne, ha perso il primo parziale al tie-break per 10 punti ad 8 nonostante due set-point (sul 7-6 e sull’8-7), ma nella seconda frazione sul 5-4 Istomin è stato bravo lui ad annullare due set-point all’uzbeko (vincente + ace) infilando poi tre giochi di fila e pareggiando il conto di set. Dopo il dominio di Nole nella terza frazione in pochi avrebbero immaginato un recupero del ragazzone uzbeko, sceso al numero 117 della classifica mondiale (numero 33 il suo best ranking, datato 2012), in gara grazie ad una wild card. Ed invece Denis, dopo aver salvato una palla-break in avvio di quarto set ha allungato sul 4-1, Djokovic lo ha riagganciato (4-4), Istomin ha fallito un set-point nel decimo game ma nel tie-break è stato ancora lui ad imporsi per 7 punti a 5, dopo aver messo in chiaro le cose fin dall’inizio (scattato sul 4-1 e poi sul 6-3). Nel set decisivo Djokovic (che sembra davvero un po' troppo magro) ha accusato improvvisamente la stanchezza, fisica forse per una volta oltre che mentale: la svolta è arrivata a quinto gioco quando, sulla seconda palla-break offerta da Nole, Istomin ha piazzato la zampata decisiva, sotto forma di un rovescio lungo linea che ha lasciato sul posto il suo avversario. Da li in avanti in tre turni di servizio - decisamente la sua arma in più oggi - l’uzbeko ha concesso solo tre punti fino a firmare la sua vittoria più bella, sull'ennesima risposta di rovescio cacciata fuori dall'ex numero uno del mondo: 76(10) 57 26 76(5) 64, dopo 4 ore e 50 minuti. E per Istomin potrebbe non essere finita qui visto che al prossimo turno lo attende lo spagnolo Pablo Carreno Busta, trentesima testa di serie.
Era da Wimbledon del 2008 che Djokovic non usciva di scena al secondo turno in uno Slam: in quell’occasione a fermarlo fu Marat Safin. Ora per Nole, che forse aveva illuso un po’ anche se stesso con il successo a Doha ad inizio gennaio, è crisi vera.
”Denis ha meritato di vincere: ha giocato bene nei punti importanti” - ha ammesso il 29enne di Belgrado in conferenza stampa, che nel match ha commesso ben 72 errori gratuiti -. ”Ovviamente non sono soddisfatto per come ho giocato ma non posso non fargli i miei complimenti. E’ stata una partita lunga, non sono riuscito a tenere la giusta intensità . Dove l’ho persa? Forse all’inizio del quarto set, quando ho mancato quella palla-break ma c’è da dire che lui è stato molto aiutato dal servizio”.




MILOS NO PROBLEM - Poteva essere un avversario insidioso il lussemburghese Gilles Muller che sabato scorso a Sydney, a 33 anni, aveva vinto il suo primo titolo Atp. Invece un Raonic piuttosto concreto, pur concedendo un paio di palle-break nel secondo parziale ed una nel terzo (delicatissima quest’ultima, al dodicesimo gioco in quanto era anche un set-point), è riuscito a non farsi trascinare al quarto set imponendosi per 63 64 76(4). Al terzo turno il canadese, terzo favorito del seeding, che da un mese è seguito dal nuovo coach, l’olandese Richard Krajicek, dovrà fare i conti con le diaboliche geometrie del francese Gilles Simon (n. 25). L’obiettivo minimo a Melbourne del 26enne nato a Podgorica, in Montenegro, è confermare la semifinale dello scorso anno quando era riuscito a mettere in grande difficoltà Andy Murray.

BENE ANCHE RAFA - Senza neanche strafare Nadal, numero 9 Atp e nono favorito del seeding, ha archiviato la pratica Marcos Baghdatis, finalista a sorpresa nell’edizione del 2006. Lo spagnolo si è imposto per 63 61 63 aggiudicandosi il nono confronto su dieci con il simpatico cipriota. Al terzo turno il 30enne mancino di Manacor, a segno a Melbourne nel 2009, dovrà vedersela contro un avversario pericolosissimo come il 19enne tedesco Sascha Zverev, che ha ribadito che il numero uno della Next Gen è lui. I due si sono già affrontati una volta, negli ottavi ad Indian Wells lo scorso anno, e si è imposto Rafa non prima, però, di aver dovuto annullare un match-point. Alexander è approdato per la prima volta al terzo turno a Melbourne liquidando per 62 63 64 lo statunitense Frances Tiafoe, che proprio domani compirà 19 anni, bravo comunque nel terzo set a vendere cara la pelle.

IVO VA VELOCE - Dopo la maratona di oltre cinque ore dell’esordio, con annessi record per lo Slam aussie (quinto set più lungo - chiuso 22 a 20 -, match con più giochi - 84 - e record di ace -75), stavolta Karlovic, 20esima testa di serie, ha deciso di fare alla svelta anche perché alle soglie dei 38 anni (li compirà il prossimo 28 febbraio) le energie vanno centellinate. E così, approfittando di un avversario tutto sommato comodo, l’australiano Andrew Whittington, numero 190 del ranking mondiale, ha chiuso con un triplice 64. Ora il gigante di Zagabria si giocherà un posto negli ottavi (che significherebbe eguagliare il suo miglior risultato a Melbourne, datato 2010) con il belga David Goffin, undicesimo favorito del seeding, che ha concesso appena sette game ad un altro “vecchietto terribile” del circuito, il ceco Radek Stepanek, passato attraverso le qualificazioni, battuto per 64 60 63.

RISULTATI GIOVEDI’ - Secondo turno: (6) Monfils (FRA) b. Dolgopolov (UKR) 63 64 16 60, (32) Kohlschreiber (GER) b. Young (USA) 75 63 60, (24) A.Zverev (GER) b. Tiafoe (USA) 62 63 64, (9) Nadal (ESP) b. Baghdatis (CYP) 63 61 63, (13) Bautista Agut (ESP) b. Nishioka (JPN) 62 63 63, (22) Ferrer (ESP) b. Escobedo (USA) 26 64 64 62, (25) Simon (FRA) b. Dutra Silva (BRA) 64 61 61, (3) Raonic (CAN) b. Muller (LUX) 63 64 76(4), (8) Thiem (AUT) c. Thompson (AUS) 61 62 67(6) 64, Paire (FRA) b. Fognini (ITA) 76(3) 46 63 36 63, (20) Karlovic (CRO)b. Whittington (AUS) 64 64 64, (11) Goffin (BEL) b. Stepanek (CZE) 64 60 63, (15) Dimitrov (BUL) b. Chung (KOR) 16 64 64 64, (18) Gasquet (FRA) b. Berlocq (ARG) 61 61 61, (30) Carreno Busta (ESP) b. Edmund (GBR) 62 64 62, Istomin (UZB) b. (2) Djokovic (SRB) 76(10) 57 26 76(5) 64.

SINGOLARE MASCHILE


]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ DIARIO DA MELBOURNE / 14 - Storie dalla... Nonsense Arena ]]>
L’angolo di Yarra Park nel quale sorge l’Hi Sense arena ha cambiato più maglie di Nick Amoruso, passando nel 1869 dal Civil Service Cricket Club allo Scotch College, poi dallo Scotch College al Melbourne Cricket Club e infine dal Melbourne Cricket Club all’Old Scotch Collegians Football Club, una squadretta amatoriale di footy che si è ritrovata fino al ‘92 proprietaria di un terreno che valeva cento volte tutti i cartellini dei suoi giocatori messi insieme. Inevitabile che alla prima offerta l’appezzamento passasse di mano. Odorato l’affare, la Thiess - un’azienda mineraria con interessi tra il Botswana, la Mongolia e il Cile - gliel’ha sfilato da sotto il naso, costruendo per 65 milioni di dollari un gioiellino polivalente da diecimila posti, con un tetto che si apre e si chiude nel giro di 10 minuti. Roba da fantascienza, nel 2000. Lo stadio, inizialmente etichettato Vodafone, ha visto di tutto: Mondiali di nuoto e di ciclismo su pista, partite di basket e incontri di boxe, match di hockey su ghiaccio e esibizioni di ginnastica. Nel 2006 è lì che sono cominciati e finiti i Giochi del Commonwealth, due anni dopo è lì che il Primo Ministro ha offerto una cenetta a duemila ospiti. Ad oggi è lì che registrano le puntate di reality come The Voice o che si esibiscono – vabbé – gli One Direction o Nicki Minaj.

Per chi pasteggia a palle break, la Caja Magica melbourniana ricorda soprattutto quel 23 gennaio del 2011. Francesca Schiavone restò in campo per 4 ore e 44 minuti, cancellò 6 match point alla Kuznetsova, vinse la partita più lunga nella storia degli Slam femminili, si guadagnò per la prima volta i quarti in Australia ed eguagliò pure il best ranking italiano di sempre, tenendosi contemporaneamente alle spalle entrambe le Williams. L’HiSense è stato per anni anche lo stadio delle grandi speranze per Andreas Seppi, che nel 2013 è arrivato a due set dal suo primo quarto Slam e due anni dopo è arrivato ad un solo punticino dallo stesso traguardo. Prima stoppato da Chardy, poi da Kyrgios. Proprio lui, lo stesso attore dell’ennesima commedia dell’assurdo recitata mercoledì sera nel cubo di Melbourne Park. Una piece nella quale Seppi si è ritrovato indietro di due set, ha allungato la pugna al quinto, lì ha salvato tre palle break consecutive nell’ottavo game, è stato tradito da un servizio che è andato a farsi benedire sul 6-5, è stato pure irriso dal tweener più inutile di tutti i tempi, ha cancellato una palla match con un drittaccio o-la-va-o-la-spacca, infine ha sparato l’ace che ha chiuso il sipario. E poi ha commentato a caldo “It was meant to be”, doveva andare così. Nessuno meglio di Andy lo sa. La NonSense Arena non tradisce mai.

DIARIO DA MELBOURNE / 1

DIARIO DA MELBOURNE / 2

DIARIO DA MELBOURNE / 3

DIARIO DA MELBOURNE / 4

DIARIO DA MELBOURNE / 5

DIARIO DA MELBOURNE / 6

DIARIO DA MELBOURNE / 7

DIARIO DA MELBOURNE / 8

DIARIO DA MELBOURNE / 9

DIARIO DA MELBOURNE / 10

DIARIO DA MELBOURNE / 11

DIARIO DA MELBOURNE / 12

DIARIO DA MELBOURNE / 13 ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC
<![CDATA[ AUS OPEN - DAY 4 - Secondo turno per Nadal e Thiem ]]> E’ la Margareth Court Arena ad ospitare invece altre attese protagoniste, ovvero nell’ordine la ceca Karolina Pliskova, poi la ‘maestra’ slovacca Dominika Cibulkova e nel programma serale la polacca Agnieszka Radwanska, rispettivamente quinta, sesta e terza testa di serie, ma anche la seconda uscita a Melbourne del canadese Milos Raonic, numero 3 del mondo, impegnato contro il mancino lussemburghese Gilles Muller, fresco di primo titolo Atp (a Sydney). A chiudere la sessione by night australiana l’austriaco Dominic Thiem, numero 8 del ranking e del torneo.

Il cartellone sulla Hisense Arena viene aperto dall’azzurra Sara Errani, che per un posto nel terzo turno sfida la russa Ekaterina Makarova, 30esima testa di serie. Impegno di secondo turno in singolare anche per Fabio Fognini, che all’alba italiana (non prima delle 6) affronta il francese Benoit Paire con in palio l’accesso ai sedicesimi del primo Slam del 2017.

Rod Laver Arena
a partire dalle ore 11 (l'una di notte in Italia)
Naomi Osaka (JPN) c. (9) Johanna Konta (GBR)
(17) Caroline Wozniacki (DEN) c. Donna Vekic (CRO)
(wc) Denis Istomin (UZB) c. (1) Novak Djokovic (SRB)
a partire dalle ore 19 (le 9 del mattino in Italia)
Lucie Safarova (CZE) c. (2) Serena Williams (USA)
Marcos Baghdatis (CYP) c. (9) Rafa Nadal (ESP)

Margareth Court Arena
a partire dalle ore 11 (l'una di notte in Italia)
(5) Karolina Pliskova (CZE) c. (q) Anna Blinkova (RUS)
(6) Dominika Cibulkova (SVK) c. Su-Wei Hsieh (TPE)
Gilles Muller (LUX) c. (3) Milos Raonic (CAN)
a partire dalle ore 19 (le 9 del mattino in Italia)
Mirjana Lucic-Baroni (CRO) c. (3) Agnieszka Radwanska (POL)
(8) Dominic Thiem (AUT) c. Jordan Thompson (AUS)

Hisense Arena
a partire dalle ore 11 (l'una di notte in Italia)
Sara ERRANI (ITA) c. (30) Ekaterina Makarova (RUS)
(15) Grigor Dimitrov (BUL) c. Hyeon Chung (KOR)
non prima delle ore 15.30 (le 5.30 del mattino in Italia)
(6) Gael Monfils (FRA) c. Alexandr Dolgopolov (UKR)
non prima delle ore 18.30 (le 8.30 del mattino in Italia)
(22) Daria Gavrilova (AUS) c. Ana Konjuh (CRO)

Questi i campi degli altri tennisti/e italiani/e:

Court 3
non prima delle ore 16 (le 6 del mattino in Italia)
Fabio FOGNINI (ITA) c. Benoit Paire (FRA)

Court 10
2° match dalle ore 12 (le 2 di notte in Italia)
Paolo LORENZI/Aliaksandr Bury (ITA/BLR) c. (6) Raven Klaasen/Rajeev Ram (RSA/USA)


ORDINE DI GIOCO ]]>
Sat, 30 Jun 2018 22:00:00 UTC