<![CDATA[ News della Federazione Italiana Tennis ]]> Sat, 25 Oct 2014 16:44:26 UTC <![CDATA[ WTA FINALS SU SUPERTENNIS - Serena, in finale sarà rivincita con la Halep ]]> Particolarmente amaro, per Caroline, il finale di partita. Prima la possibilità, sciupata, di servire per il match sul 5-4. Poi, dopo aver salvato match point a Serena sul 5-6, il tiebreak finale in cui la danese conduceva per 4 punti a 1: un nastro benevolo ha fatto girare però l'inerzia in favore della Williams, che ha vinto poi 5 punti di fila per portarsi 6-4. Caroline l'ha costretta a procurarsi un altro match point, raggiungendola sul 6 pari, ma è stato quello buono.
A pochi mesi di distanza dalla finale di New York, la Wozniacki deve dunque mandare giù un altro boccone amarissimo. A servirglielo, di nuovo, Serena: diventano 10 le sue vittorie contro l'ex numero 1 del mondo, a fronte di un'unica sconfitta.

La finale sarà una sfida molto interessante, dato il freschissimo precedente. Sarà Simona Halep a sfidare nuovamente la numero 1 del mondo, dopo averle inflitto pochi giorni fa la sua peggior sconfitta (in termini di game) dal 1998. La tennista romena, al debutto assoluto in un Masters, ha dominato Agnieszka Radwanska per 62 62, in una seconda semifinale senza storia. La 23enne di Costanza è stata impeccabile, un'altra volta. Ora, però, ripetere l'impresa contro Serena sarà tutt'altro che scontato: l'altro giorno è stato un devastante 60 62 in favore di Simona, ma come ha detto lei stessa ai microfoni subito dopo la semifinale, “domani sarà molto più concentrata”.
Serena andrà a caccia del suo 64esimo titolo, Simona del suo nono. Prima della sfida di mercoledì, la romena non aveva mai battuto la statunitense.


Le semifinali sono dunque definite, come segue:

Serena Williams (USA) b. Caroline Wozniacki (DEN) 26 63 76(6)
Simona Halep (ROU) b. Agnieszka Radwanska (POL) 62 62



ORARIO DI GIOCO E RISULTATI

Venerdì 24 ottobre
Sharapova b. A.Radwanska 75 67(4) 62
Wozniacki b. Kvitova 62 63
Ivanovic b. Halep 76(7) 36 63

Giovedì 23 ottobre
Wozniacki b. A.Radwanska 75 63
Kvitova b. Sharapova 63 62
S.Williams b.-Bouchard 61 61

mercoledì 22 ottobre
Halep b. S.Williams 60 62
Ivanovic b. Bouchard 61 63

martedì 21 ottobre
Wozniacki b. Sharapova 76(4) 67(5) 62
A.Radwanska b. Kvitova 62 63

lunedì 20 ottobre
S.Williams b. Ivanovic 64 64
Halep b. Bouchard 62 63

LA FORMULA: Nella fase a gironi, da lunedì 20 a venerdì 24 ottobre, ogni giocatrice si scontra con le altre tre del proprio raggruppamento. Le prime due di ogni girone avanzano alle semifinali: la prima del gruppo Rosso sfida la seconda del gruppo Bianco, e viceversa. In caso di parità tra due o più giocatrici alla fine della fase a gironi, contano nell'ordine: numero di vittorie, numero di match giocati, scontro diretto, percentuale set vinti, percentuale game vinti.

GIRONI E CLASSIFICHE

GIRONE ROSSO - match vinti/persi (set vinti/persi)
Simona Halep (ROU) 2/1 (5/2) – in SF
Serena Williams (USA) 2/1 (4/2) – in SF

Ana Ivanovic (SRB) 2/1 (4/3)
Eugenie Bouchard (CAN) 0/3 (0/6)

GIRONE BIANCO - match vinti/persi (set vinti/persi)
Caroline Wozniacki (DEN) 3/0 (6/1) – in SF
Agnieszka Radwanska (POL) 1/2 (3/4) – in SF

Petra Kvitova (CZE) 1/2 (2/4)
Maria Sharapova (RUS) 1/2 (3/5)

Supertennis, la TV della FIT, trasmetterà l'evento integralmente, in diretta ed esclusiva fino a domenica 26. Questa la programmazione:
venerdì 24: live dalle 10 e dalle 13.30
sabato 25: live dalle 8.30 e dalle 12.00
domenica 26: live dalle 12.00

]]>
Sat, 25 Oct 2014 11:37:09 UTC
<![CDATA[ ATP BASILEA SU SUPERTENNIS - Goffin primo finalista. Federer live ]]> Il croato era reduce dalla splendida vittoria su Rafael Nadal, giunta venerdì contro ogni pronostico. Il diciassettenne ha messo di nuovo in mostra tutte le sue qualità, ma non sono bastate per avere la meglio su di un tennista che, da quando è stato battuto da Murray nel primo turno di Wimbledon, ha praticamente smesso di perdere. Venerdì Goffin a sorpresa ha rimontato e sconfitto Milos Raonic, testa di serie numero 4. David, settima testa di serie, da luglio ha vinto sei titoli: quattro challenger e gli ATP di Kitzbuhel e Metz.
Nonostante la sconfitta in semifinale, rimane un torneo sensazionale quello messo in piedi da Borna Coric, classe 1994 ma non ancora diciottenne. La sua vittoria su Rafael Nadal ha definitivamente segnalato al mondo la nascita di una nuova stella che sembra avere un futuro radioso davanti a sé.

Ora, nella parte bassa del tabellone, semifinale tra l’idolo di casa Roger Federer e Ivo Karlovic. Lo svizzero ha battuto per 76 (4) 62 il bulgaro Grigor Dimitrov, mentre il croato ha sconfitto per 64 64 il tedesco Benjamin Becker.
Roger è reduce dal successo nel "1000" di Shanghai, e vanta cinque titoli nella sua città natale (2006, 2007, 2008, 2010, 2011) oltre ad altre cinque finali: King Roger ha perso all'ultimo atto sia nel 2012 che nel 2013 sempre contro l'argentino Juan Martin Del Potro.


Supertennis, la TV della FIT, trasmette il torneo in diretta ed esclusiva da lunedì 20 ottobre. Questa la programmazione:
da martedì 21 a venerdì 24: live dalle 16.00
sabato 25: differita dalle 14.30 - semifinali
domenica 26: live dalle 14.30 - finale

]]>
Sat, 25 Oct 2014 15:07:52 UTC
<![CDATA[ MASTERS 1000 PARIGI BERCY - Bye per Fognini. Q: Seppi e Lorenzi fuori ]]> Fognini è accreditato della sedicesima testa di serie, e come giocatore compreso nel seeding debutterà direttamente al secondo turno. Fabio attende il vincente tra il croato Ivo Karlovic e un qualificato.

Nelle qualificazioni, Andreas Seppi è incappato in una sconfitta contro pronostico contro la wild card francese Kenny de Schepper, numero 119 del mondo. Il tennista di Caldaro, numero 6 del tabellone, ha vinto un lottatissimo secondo set prima di crollare nel terzo: 62 67(6) 61 in favore del transalpino, numero 119 del ranking.

Sconfitta amara anche per Paolo Lorenzi. Nel primo turno di qualificazioni, il tennista senese è stato rimontato e sconfitto dall'ucraino Sergiy Stakhovsky, numero 10 del seeding e 60 del ranking, col punteggio di 36 76(5) 63. Lorenzi ha anche avuto due palle match sul finire di secondo set, sul 5-4 e sul 6-5, servizio Stakhovsky.

Al via del torneo ci sono tutti i più forti giocatori del mondo, con la sola esclusione di Rafael Nadal. Il torneo sarà decisivo per assegnare gli ultimi posti in palio per le World Tour Finals di Londra.

_________________


RISULTATI
"BNP Paribas Masters"
ATP World Tour 1000
Bercy, Parigi, Francia
25 ottobre – 2 novembre, 2014
2.884.675 euro - veloce indoor

SINGOLARE
Primo turno
(16) Fabio Fognini (ITA) – bye

Secondo turno
(16) Fabio Fognini (ITA) c. vincente Ivo Karlovic (CRO) – (qualificato)


QUALIFICAZIONI
Primo turno
(wc) Kenny de Schepper (FRA) b. (6) Andreas Seppi (ITA) 62 67(6) 61
(10) Sergiy Stakhovsky (UKR) b. Paolo Lorenzi (ITA) 36 76(5) 63 ]]>
Sat, 25 Oct 2014 12:39:39 UTC
<![CDATA[ SANTA MARGHERITA DI PULA - Azzurri a caccia di punti ATP e WTA ]]> dal numero 10 di ottobre di "SuperTennis Magazine"

12 ottobre, la riscoperta dell’America. I tennisti italiani a caccia di punti Atp e Wta la stanno trovando a Santa Margherita di Pula, attraversando un braccio di mare molto meno impegnativo dell’Oceano Atlantico. L’ultimo caso è quello di Riccardo Sinicropi e di Claudia Giovine che si sono aggiudicati i tornei ITF n.15 (10.000$ il montepremi di ciascuno) nelle diciannove settimane di calendario che il Forte Village dedica al tennis internazionale.
E’ uno sforzo grossissimo quello che i dirigenti dello splendido villaggio turistico sardo stanno facendo con il supporto della Fit: 38 tornei (19 maschili e altrettanti femminili) in una stagione significano 380mila dollari solo di montepremi . Una scommessa fatta allo scopo di offrire ai tanti giocatori italiani emergenti, a caccia di punti Atp e Wta, la possibilità di andarli ad afferrare senza andare troppo in giro per il mondo . Basti pensare che con i 18 punti Atp che sono in palio per il vincitore di ogni singola prova ( 12 Wta per quella femminile), un perfetto esordiente si ritroverebbe di botto tra i primi 900 giocatori del ranking mondiale.
L’altra scommessa è far vivere per un ampio arco di stagione una struttura ricettiva importante nell’economia turistica della zona, creando un circolo virtuoso di sport e ricettività.
In dirittura d’arrivo della seconda stagione di gare abbiamo incontrato il direttore delle manifestazioni al Forte, Dino Mitidieri.

Quello dei “Futures combined” in riva al mare, da marzo a novembre (con pausa estiva), è un esperimento molto particolare: alla seconda stagione che risultati sta dando?
“Quest’anno siamo passati da 5 settimane a 19 e questo è il segno di un notevole progresso. L’idea che stiamo sviluppando con la Fit del resto è legata a un progetto di crescita reciproca. La Federazione vuole offrire ai giocatori la possibilità di partecipare a tornei con in palio punti Atp e Wta in periodi dell’anno in cui dovrebbero sobbarcarsi trasferte molto onerose. E il fatto che oggi volare in Sardegna non rappresenti più un’onerosità importante, grazie alle tariffe della continuità territoriale, facilita tutti. Vuole farli crescere in termini di risultati e di esperienza. Noi puntiamo a valorizzare la nostra struttura , in periodi stagionali che vanno oltre la classica ‘alta stagione’. Abbiamo studiato una tariffa speciale per chi partecipa a questi tornei: 85 euro al giorno con la mezza pensione. Che per la qualità dei servizi del Forte Village è veramente molto interessante”.

Una combinazione di sport di alto livello e “turismo” davvero particolare…
“Direi un modo intelligente di valorizzare le opportunità che una disciplina a carattere fortemente internazionale come il tennis permette di sviluppare in una Regione che consente la pratica sportiva all’aperto dodici mesi l’anno”.

In questa iniziativa che ruolo svolge la comunità tennistica locale e quali sono le ricadute sul movimento?
“La collaborazione con il Comitato regionale e i circoli locali è molto positiva. Ci hanno aiutato molto. Ci dispiace di non poter mettere a loro disposizione le wild card (cioè gli inviti) nei tabelloni principali dove sono subito in palio punti e dollari. La nostra politica è quella di valorizzare, dove ce ne sia la disponibilità, i giocatori che scelgono di appoggiarsi alla nostra struttura, offrendo loro l’accesso diretto a questi tabelloni. Seguendo questo principio, ci siamo trovati più volte nella condizione di dire di no, dolorosamente, a tutti i giocatori sardi che ce lo hanno chiesto. Molto diverso è il caso dei tornei di qualificazione, dove abbiamo un’ampia disponibilità di posti. Le wild card in questo caso hanno come unico valore quello di far arrivare i giocatori locali, che ce lo chiedono, direttamente il giorno della gara. Pagano i classici 30 euro d’iscrizione e prendono le loro belle 'stese', si fanno le ossa. Sono i ragazzi che il Tc Cagliari, con cui abbiamo un accordo, ci manda per completare i tabelloni. In questo senso mi sento di allargare l’invito a tutti i giocatori, anche di Seconda e Terza categoria, di tutta Italia: per giocare le ‘quali’ serve una wild card per modo di dire. C’è posto praticamente sempre. Venite al Forte a vivere l’esperienza del tennis internazionale: è una bella opportunità”.


I VINCITORI DEI PRIMI 15 TORNEI COMBINED 2014

1- (10-16 marzo) Adam Pavlasek (CZE); Karin Kennel (SUI)
2- (17-23 marzo) Marco Cechinato (ITA); Masa Zec-Peskiric (SLO)
3- (24-30 marzo) Marco Cecchinato (ITA); Alice Balducci (ITA)
4- (31 marzo-6 aprile) Viktor Galovic (CRO); Alice Balducci (ITA)
5- (7-13 aprile) Stefano Travaglia (ITA); Jelena Ostapenko (LAT)
6- (14-20 aprile) Matteo Donati (ITA); Andreea Mitu (ROU)
7- (21-27 aprile) Roberto Marcora(ITA); Jelena Ostapenko (LAT)
8- (28 aprile-4 maggio) Luca Vanni (ITA); Jelena Ostapenko (LAT)
9- (5-11 maggio) Luca Vanni (ITA); Diana Buzean (ROU)
10- (12-18 maggio) Roberto Marcora (ITA); Yuliana Lizarazo (VEN)
11- (8-14 settembre) Florian Fallert (GER); Martina Trevisan (ITA)
12- (15-21 settembre) Walter Trusendi (ITA); Martina Trevisan (ITA)
13- (22-28 settembre) Omar Giacalone (ITA); Georgia Brescia (ITA)
14- (29 settembre-5 ottobre) Walter Trusendi (ITA); Ilka Csoregi (ROU)
15- (6-12 ottobre) Riccardo Sinicropi (ITA); Claudia Giovine (ITA)


CLICCA QUI PER SCARICARE IL NUMERO 10 DI OTTOBRE DI SUPERTENNIS MAGAZINE ]]>
Thu, 23 Oct 2014 17:16:39 UTC
<![CDATA[ RACCHETTE D'ASSALTO - Ecco le ultime novità ]]> dal numero 10 di ottobre di "SuperTennis Magazine"

E’ un autunno caldo della racchetta, testimonianza della vitalità di uno sport che vive 365 giorni l’anno. Roger Federer ha presentato la sua nuova Wilson Pro Staff RF97 Autograph nei tornei dell’estate americana ma ne ha espresso appieno il grande potenziale sui campi del Masters 1000 di Shanghai. Chi lo ha visto in semifinale dominare spesso sulla diagonale di rovescio contro Novak Djokovic, signore assoluto di quello schema, si sarà accorto che il fuoriclasse svizzero si può permettere ora un gesto più compatto, più raccolto, grazie alla maggiore spinta e tolleranza sulle palle decentrate che il nuovo attrezzo da 97” (contro i 90” della storica Pro Staff) gli consente. La palla gli esce pesante e profonda senza richiedere quel gesto a tutto braccio che spesso lo vedeva “steccare” in momenti delicati.
Nella corsa alla performance tutti cercano soluzioni vantaggiose in qualsiasi ambito: telai e corde prima di tutto. La novità di questo mese viene dai giapponesi della Yonex che immettono sul mercato il nuovo attrezzo che avrà come testimonial l’argentino Juan Monaco. E’ un’annata d’oro quella di Yonex, che ha segnato l’esplosione definitiva di Stan Wawrinka,vincitore degli Australian Open e del Masters 1000 di Monte-Carlo e atteso, insieme a Federer, dalla finalissima di Coppa Davis in dicembre contro la Francia di Tsonga e Gasquet & co. Lo svizzero è arrivato al successo con la sua Yonex VCore 97 Tour G mentre Ana Ivanovic si riprendeva sempre più spesso i riflettori del circuito femminile, brandendo con successo la Yonex EZone Ai.
Ora, come dicevamo, è in consegna la Vcore Si nei formati da 98 e da 100 pollici quadrati, entrambe nella doppia versione di peso: 330 e 300 grammi. Pensata per chi vuole più spinta e rotazione, presenta un nuovo sistema di “grommet” ( i fori passacorde) che lascia più libertà di movimento alla corda. L’obbiettivo è uno sweet spot più ampio ( grazie al disegno isometrico del piatto corde, marchio di fabbrica Yonex) ma soprattutto una maggiore capacità di “mordere” la palla e caricarla di top spin. Non a caso, nello spot promozionale Juan Monaco dà un bel morso (bite) a una mela e promette di ottenere quell’effetto anche sul campo da tennis.
Particolarità da non sottovalutare, le nuove Yonex hanno il tacco ( l’estremità del manico) già sagomato per poter accogliere i nuovi dispositivi elettronici che Sony ha lanciato in maggio sul mercato giapponese. Si tratta dello Smart Tennis Sensor, sensore in grado di rilevare tipo di colpo, rotazione, centratura nel piatto corde ecc.ecc. e di trasmettere il tutto via bluetooth allo smartphone ( sull’onda del sistema Babolat Play e del dispositivo Zepp lanciato negli Apple Store). Un altro aspetto dello sviluppo nel quale i giapponesi mostrano di volersi di mantenere al passo con i colossi del mercato (a loro volta Wilson, Prince e Head hanno sviluppato una partnership con Sony).
Il tutto in attesa, a giorni, dell’uscita della nuova versione della Babolat Pure Drive, lo storico attrezzo di Carlos Moya, di Na Li e oggi di Fabio Fognini ( e di Sara Errani nella versione “plus”, più lunga). Si annuncia, oltre che rinnovato nella cosmesi, modificato anche nella combinazione del sistema “woofer “ ( passa corde allargati) e della densità del reticolo d’incordatura, pensata per spostare leggermente verso la testa della racchetta il punto d’impatto ideale. I tecnici di Lione spiegano d’aver fatto questa scelta ragionando sulla enorme mole di dati di gioco raccolti nei primi mesi di gioco dagli utilizzatori delle racchette Play. Le Pure Drive con il microchip integrato nell’impugnatura, che si connette al telefonino o al tablet, hanno dato uno scossone rivoluzionario all’idea di racchetta da tennis cui tutti eravamo abituati. Dalle antiche Maxima con i loro listelli in legno di frassino al bluetooth la distanza è davvero siderale.

CLICCA QUI PER SCARICARE IL NUMERO 10 DI OTTOBRE DI SUPERTENNIS MAGAZINE ]]>
Thu, 23 Oct 2014 07:19:30 UTC