stampa | chiudi

23

mar 19
MIAMI: FOGNINI AVANTI IN RIMONTA
Sonego cede a Isner. Oggi tocca a Cecchinato
Lorenzo Sonego  (foto Silverii)
Esordio sofferto ma vincente, direttamente al secondo turno, per Fabio Fognini nel "Miami Open", secondo Atp Masters 1000 del 2019, dotato di un montepremi di 8.359.455 dollari, che si disputa da quest’anno sui campi in cemento dell’Hard Rock Stadium (la “casa” dei Miami Dolphins di football NFL), in Florida.
Nella notte italiana il 31enne di Arma di Taggia, numero 17 del ranking mondiale e 15esima testa di serie, ha superato in rimonta l’argentino Guido Andreozzi, numero 80 Atp: 57 64 64 il punteggio, in due ore e 25 minuti, con cui l'azzurro si è imposto nel primo testa a testa con il 27enne di Buenos Aires.
La cronaca. Nel primo set, dopo un immediato break e contro-break, Fognini è salito sul 4-2 strappando la battuta all'avversario, ma di nuovo ha ceduto subito il servizio, facendosi riagganciare sul 4-4. E sul 5-5 è stato l'azzurro a incassare lo "strappo" che ha proiettato l'argentino alla conquista del parziale. Nel secondo set, dopo aver annullato due chance di break, il ligure ha tolto il servizio ad Andreozzi, allungando sul 4-1 ma sul 5-3 ha subito il contro-break, rimediato però da Fabio nel game seguente con un altro break che gli ha consentito di pareggiare i conti. Sullo slancio l'italiano si è portato avanti 3-0 nel set decisivo, vantaggio che non ha mantenuto con riaggancio sul 4-4 dopo tre turni di servizio a vantaggio del ribattitore, fino al definitivo break sul 5-4 che ha permesso a Fognini di chiudere la contesa.

Fabio tornerà in campo domenica per sfidare al terzo turno lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 25 del ranking mondiale e 22esima testa di serie: sarà il decimo confronto diretto fra i due, con il ligure in vantaggio per 7 a 2 nel bilancio dei precedenti (si è aggiudicato in tre set, sempre in rimonta, gli ultimi due in ordine di tempo, nel 2017, in semifinale sia a Gstaad sulla terra che a San Pietroburgo sul cemento indoor).

Si è invece fermato al secondo turno Lorenzo Sonego. Il 23enne torinese, numero 106 del ranking mondiale, promosso dalle qualificazioni, dopo la bella vittoria contro lo slovacco Martin Klizan, numero 48 Atp (la seconda nel main draw di un "1000" per il piemontese), in quella che era la sua prima sfida contro un top ten ha disputato un buon match contro lo statunitense John Isner, numero 8 del ranking mondiale e settima testa di serie, nonché campione in carica, cedendo per 76(2) 76(7), dopo un’ora e 49 minuti di gioco, vedendosi pure annullare con un ace un set point nel tie-break della seconda partita.
La cronaca. Il primo confronto diretto fra i due è stato nel segno del servizio, visto che entrambi non hanno concesso palle break nella prima frazione (Sonego ha recuperato da una situazione di 0-30 nell’ottavo game per poi agguantare il 4-4), con inevitabile epilogo al “gioco decisivo” dove una risposta vincente di rovescio di Isner e un doppio fallo del torinese hanno subito portato il gigante sul 3 a 0, vantaggio che ha saputo conservare fino a chiudere per 7 punti a 2 con l’11esimo ace. Il torinese non si è comunque perso d’animo e anche nel secondo set ha giocato con buona personalità, concedendo una sola palla break sul 5-5, annullata con una grande difesa e un lob a scavalcare l’avversario, poi incappato in un errore di diritto. Anche in questo caso si è dunque reso necessario il tie-break, nel quale è stato l’italiano a portarsi in vantaggio: 4 a 2 e poi 5 a 3, ma Isner ha recuperato il mini-break e con tre punti consecutivi si è procurato il primo match point, mandando fuori la risposta di diritto. Sonego allora è salito 7 a 6, chance cancellata dal 20esimo ace dello statunitense, che poi ha spinto a tutta, riuscendo a chiudere la contesa e ad evitare una pericolosa terza frazione.




Sabato ingresso in gara direttamente al secondo turno anche per Marco Cecchinato: il 26enne palermitano, numero 16 del ranking mondiale e 14esima testa di serie, deve vedersela con il bosniaco Damir Dzumhur, numero 53 Atp (il siciliano è avanti 3-2 nei precedenti).

In tabellone ci sono 15 dei primi 17 giocatori del ranking: assenti, entrambi per problemi alle ginocchia, lo spagnolo Rafael Nadal, numero 2 del ranking mondiale, e l’argentino Juan Martin Del Potro, numero 8 Atp. A guidare il seeding è il numero uno del mondo, il serbo NovakDjokovic, già 6 volte trionfatore a Miami (2007, 2008, 2011, 2012, 2014-2016), davanti al tedesco Alexander Zverev, all’austriaco Dominic Thiem (reduce dal suo primo trofeo “1000” conquistato ad Indian Wells), lo svizzero Roger Federer, vincitore in tre occasioni (2005, 2006 e 2017), il giapponese Kei Nishikori (eliminato all’esordio, al 2° turno, per mano del serbo Dusan Lajovic, numero 44 Atp), il sudafricano Kevin Anderson, lo statunitense John Isner, campione in carica, ed il Next Gen greco Stefanos Tsitsipas. Le 32 teste di serie entrano in gara direttamente al secondo turno.

RISULTATI VENERDI’ - Secondo turno (parte alta del tabellone): (1) Djokovic (SRB) b. Tomic (AUS) 76(2) 62, Delbonis (ARG) b. (32) Millman (AUS) 75 36 76(2), (22) Bautista Agut (ESP) b. Tipsarevic (SRB) 76(3) 64, (15) Fognini (ITA/) b. Andreozzi (ARG) 57 64 64, (12) Raonic (CAN) b. Marterer (GER) rit., (19) Edmund (GBR) b. Ivashka (BLR) 63 62, Ramos Vinolas (ESP) b. (25) Pouille (FRA) 46 64 63, (7) Isner (USA) b. (q) Sonego (ITA) 76(2) 76(7), Hurkacz (POL) b. Thiem (AUT) 64 64, (q) Auger-Aliassime (CAN) b. (29) Fucsovics (HUN) 64 46 60, (17) Basilashvili (GEO) b. M. Zverev (GER) 63 62, Robin Haase (NED) b. (LL) Harris (RSA) 36 63 64, (11) Coric (CRO) b. Carballes Baena (ESP) 76(5) 06 62, Chardy (FRA) b. (23) Simon (FRA) 64 62, (27) Kyrgios (AUS) b. (q) Bublik (KAZ) 75 63, Lajovic (SRB) b. (5) Nishikori (JPN) 26 62 63.
-----------------------

RISULTATI
"Miami Open"
ATP World Tour Masters 1000
Miami (Florida), Stati Uniti
21 - 31 marzo, 2019
$8.359.455 - cemento

SINGOLARE
Primo turno
(15) Fabio Fognini (ITA) bye
Ilya Ivashka (BLR) b. Thomas Fabbiano (ITA) 63 16 62
(q) Lorenzo Sonego (ITA) b. Martin Klizan (SVK) 64 63
Hubert Hurkacz (POL) b. Matteo Berrettini (ITA) 64 63
(14) Marco Cecchinato (ITA) bye

Secondo turno
(15) Fabio Fognini (ITA) b. Guido Andreozzi (ARG) 57 64 64
(7) John Isner (USA) b. (q) Lorenzo Sonego (ITA) 76(2) 76(7)
(14) Marco Cecchinato (ITA) Damir Dzumhur (BIH)

Terzo turno
(15) Fabio Fognini (ITA) c.(22) Roberto Bautista Agut (ESP)

DOPPIO
Primo turno
Marco Cecchinato/Andres Molteni (ITA/ARG) c. (1) Lukasz Kubot/Marcelo Melo (POL/BRA)

QUALIFICAZIONI
Primo turno
(1) Radu Albot (MDA) b. Gianluigi Quinzi (ITA) 76(5) 60
(2) Felix Auger-Aliassime (CAN) b. Luca Vanni (ITA) 46 64 61
(17) Paolo Lorenzi (ITA) b. Ruben Bemelmans (BEL) 75 36 76(5)
(18) Lorenzo Sonego (ITA) b. Ramkumar Ramanathan (IND) 64 61

Turno di qualificazione
(2) Felix Auger-Aliassime (CAN) b. (17) Paolo Lorenzi (ITA) 76(1) 62
(18) Lorenzo Sonego (ITA) b. (4) Mackenzie McDonald (USA) 75 64

SINGOLARE MASCHILE