Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Padel
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?
... a proposito di tennis

 

RSS

La parola ai tesserati

Se sei un tesserato FIT puoi iscriverti al Blog e pubblicare un tuo post, se la tessera è di tipo atleta e ti iscrivi alla newsletter riceverai via e-mail la TUA classifica.

CERCA IN TRIBUNA APERTA

CERCA
 
Martedì, 7 Maggio 2019 alle 15:31

RICHIESTA DI ATTESA QUANDO SONO IN BATTUTA

di Davide carlo Dominici
Durante i tornei, sopratutto di IV° categoria, capita abbastanza spesso che colui che risponde al servizio chieda a chi sta servendo di aspettare perché non è pronto a ricevere.

Vorrei conoscere qual é la regola: io credo che è colui che serve che detta i tempi e che chi risponde debba adeguarsi.
Ovvio che vale sempre il buon senso e chi serve non deve far le corse per servire, ma penso non debba diventare un metodo per interrompere chi è al servizio.
Mi piacerebbe conoscere il parere di un referente in federazione.
Grazie a tutti.
>
labels:

commenti

4

  No, sbagliato, chi serve non detta affatto i tempi. Chi serve, serve; chi risponde, risponde. Per iniziare il punto è richiesto che siano pronti sia servente che ricevente. Chiaramente chi serve è "automaticamente" pronto nel momento in cui inizia il movimento... ma chi riceve non ha altro modo che chiedere a chi serva di aspettare.
Questo per dire che non è affatto vero che chi serve ha "il diritto" di servire al ritmo che vuole, proprio per niente. Deve aspettare che l'avversario sia pronto.
Detto questo, poi, se il ricevente sistematicamente fa attendere chi serve, può configurarsi la condotta antisportiva, certamente. In quel caso si chiama il giudice arbitro e gli si chiede di vigilare su questo comportamento.
Però io non ho MAI visto un comportamento antisportivo di questo tipo. Molto più di frequente è chi serve che batte in maniera compulsiva, a raffica, senza dare all'avversario il tempo di prepararsi. Anche quando questo viene fatto in buona fede, è un comportamento molto fastidioso, e bene fa il ricevitore a costringere l'avversario ad attendere un tempo congruo.

di Marco Baiocco (Mercoledì, 12 Giugno 2019 13:11)

3

  Capita sovente di trovare giocatori, che servono in maniera compulsiva.
Magari sei andato a prendere la pallina in un angolo, gliela passi e mentre tu ti stai sistemando per rispondere lui sta già battendo, stai tranquillo che ti faccio aspettare. Non certo per perdere tempo ma semplicemente non sono pronto a rispondere.
Peggio ancora quelli che vorrebbero battere la seconda con la prima palla ancora in movimento, che magari mi sta per finire fra i piedi.
E' tutto molto semplice basta essere corretti e leali con gli avversari.
Si potrebbe affrontare anche il discorso dei ladri, ma sarebbe troppo lungo.
Saluti Giuseppe

di gambosh (Lunedì, 10 Giugno 2019 16:02)

2

  e' ovvio che il ribattitore ha la possibilità di prepararsi in tempo ragionevolmente più rapido del battitore. Ci sono delle situazioni in cui il battitore esegue la battuta in modo frenetico. In quel caso il ribattitore ha tutto il diritto di chiedere di rallentare i tempi di esecuzione del servizio (essendo previsto un tempo massimo di 20 secondi per effettuare il servizio).
Chiaramente i 20 secondi sono un tempo definito che, in caso di tornei senza la presenza dei raccattapalle, può essere tollerabile sforare anche leggermente. Non deve essere una regola e i giocatori devono fare quanto massimo possibile per riprendere il gioco rapidamente. Cercare di prendere una palla lontana rispetto ad una vicina (a meno che questa non sia inutilizzabile perchè bagnata) può risultare azione di disturbo al pari della richiesta di attesa da parte del ribattitore sanzionabile con il "Comportamento Antisportivo"

di Leonardo Nannini (Domenica, 12 Maggio 2019 18:59)

1

  Il battitore quando si conclude il punto ha 20 secondi per riprendere a servire e il ribattitore deve adeguarsi a questo tempo. Può succedere, ma sporadicamente, che il ribattitore non sia pronto e chieda al battitore di aspettare ma ci deve essere una giustificata motivazione, non può assolutamente farlo continuamente perché diventa comportamento antisportivo e come tale sanzionabile con il punteggio penalizzato, avvertimento, punto, gioco, gioco, ed eventuale esclusione dalla gara, ma tutto questo se è presente il GA a bordo campo che accerta la violazione. Nel suo caso deve far presente al suo avversario che si deve adeguare al suo ritmo in caso contrario chiami il GA.

di rufra (Martedì, 7 Maggio 2019 17:28)

* inserisci il tuo commento
* nickname
e-mail
* codice di controllo (contro lo spam)
Inserisci il codice di controllo visualizzato sopra.
(caratteri sensibili alle maiuscole/minuscole)
CAPTCHA Image
* campi obbligatori
INVIA
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       DPO  Cookie Policy  Privacy Policy