Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Paddle
Tennis in Carrozzina
Comitato Italiano Paralimpico
www.aicstennis.it
SeniorTennis
ASI - Associazioni Sportive e Sociali Italiane
CSAIn - Centri Sportivi Aziendali e Industriali
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?
... a proposito di tennis

 

RSS

La parola ai tesserati

Se sei un tesserato FIT puoi iscriverti al Blog e pubblicare un tuo post, se la tessera è di tipo atleta e ti iscrivi alla newsletter riceverai via e-mail la TUA classifica.

CERCA IN TRIBUNA APERTA

CERCA
 
Domenica, 22 Aprile 2012 alle 15:21

PROCEDIMENTO REGOLARE???

di Luca Di magno
DURANTE UNA FINALE DI TENNIS TORNEO UNDER 18 AD UN PUNTO DALLA CONCLUSIONE DEL MATCH: IL PUNTEGGIO ERA 6-3 5-4 (40 -30) IO ERO AL SERVIZIO, HO ACCUSATO UN MALESSERE DOVUTO AD ECCESSIVA INSOLAZIONE, IL GIUDICE ARBITRO MI HA FATTO LASCIARE IL CAMPO E DOPO 3 MINUTI IO VOLEVO RIENTRARE, MA LUI ME LO HA IMPEDITO. ALLA FINE SONO RIENTRATO, MA IL MIO AVVERSARIO AVEVA GIA' LASCIATO IL CAMPO, DICENDO DI NON VOLERE GIOCARE PERCHE' SI ERA FREDDATO. IO HO INSISTITO DI VOLER GIOCARE MA IL GIUDICE ARBITRO DICEVA DI NON VOLERSI ASSUMERE NESSUNA RESPONSABILITà , ANCHE SE I MIEI GENITORI VEDENDOMI DI NUOVO BENE MI HANNO DATO IL CONSENSO DI POTER GIOCARE ALMENO UN GAME PER VEDERE SE CE LA FACEVO. MA IL GIUDICE ARBITRO TRA L'ALTRO MAESTRO DEL MIO AVVERSARIO HA MANDATO IN CAMPO UN ALTRO INCONTRO , DICENDOMI CHE ORMAI MI ERO RITIRATO. LA PAROLA RITIRO NON L'HO MAI DETTA, LUI MI HA FATTO USCIRE IO VOLEVO SOLO SEDERMI E PRENDERMI I 3 MINUTI DI REGOLAMENTO. ALLA FINE MI HA DATO LA COPPA SECONDO CLASSIFICATO E ME NE SONO ANDATO.vI SEMBRA UNA COSA GIUSTA?.
>
labels:

commenti

15

  precisiamo che il giudice arbitro mi ha fatto lasciare il campo...

di Luca Di magno (Lunedì, 7 Maggio 2012 18:49)

14

  c'è poco da discutere: un incontro non può essere sospeso per 20 minuti. se così è successo ha fatto bene ha dichiarlo concluso. Se invece sono trascorsi solo 3 minuti e tu hai dichiarato trascorsi i 3 minuti di voler continuare, in effetti ha commesso un atto arbitrario.

di tesaurus (Giovedì, 3 Maggio 2012 16:18)

13

  Purtroppo sono episodi che si manifestano troppo frequentamente. Pensa che io durante una partita di open ho dovuto ritirarmi per evitare di saltare la rete ed aggredire il mio avversario, perchè il giudice arbitro, invrece di richaimare lui per atteggiamento antisportivo (decine di palle rubate, insulti a me rivolti, interruzzione del gioco per presunti lets inesistenti quanto non riusciva a rispondere al mio servizio, etc..) ha consentito che lo show continuasse....pur dichiarando che quella messa in campo dal mio avversario è una precisa e più volte ripetuta "tattica di gioco".....
Questo è tennis????

di JUNIOR95 (Mercoledì, 25 Aprile 2012 15:46)

12

  Per il commento 9 di ABC, non è proprio come dice lei, il trattamento se si è sviluppata una condizione urgente può essere immediato e può essere trattato anche al di fuori dal campo. Chiaramente non essendoci medici,fisioterapisti o preparatori atletici la decisione è del GA.
cordiali saluti
Francesco

di Francesco (Martedì, 24 Aprile 2012 17:19)

11

  A.B.C. facciamo un esempio pratico.
Giochiamo io e te, io inciamo, cado malamente sulla mano che regge la racchetta causandomi un danno al polso che mi procura un dolore fortissimo al punto che non riesco nemmeno a reggere la racchetta.
Siamo sul punteggio di 3 a 2 e 15/0 sempre per te.
Secondo te per poter usufruire dei tre minuti per le cure tu, se fossi l'arbitro o il giudice arbitro, mi obbligheresti a continuare a giocare fino al successivo cambio di lato del campo?
Ma dove l'hai letta sta cosa? Guarda che ti confondi con il caso in cui un giocatore durante il gioco chiede all'arbitro l'intervento del medico o fisioterapista il successivo cambio di lato del campo per essere esaminato.
Ma nel caso di un incidente o di una condizione fisica acuta il giocatore può richiedere l'immediato intervento del medico o del fisioterapista perchè deve essere tutelata la sicurezza del giocatore.

di pallonetto (Martedì, 24 Aprile 2012 16:52)

10

  Scusa A.B.C. ma stai dicendo una fesseria, se un giocatore ha necessità urgente di un intervento medico il gioco si sospende subito e non a cambio campo. Il regolamento parla di situazione acuta ed in questo caso l'insolazione è da ritenersi acuta perchè il giocatore non è in grado di giocare, non facciamo confusione. Se ti sbucci un dito puoi anche aspettare la prima sosta (cambio campo e fine set) ma in situzioni acute si sospende subito.

di vitto77 (Martedì, 24 Aprile 2012 16:01)

9

  Se il GA avesse applicato il regolamento il giocatore in questione non avrebbe dovuto lasciare il campo su quel punteggio ma avrebbe dovuto attendere il cambio campo. Quale che fosse la sua condizione. Se il giocatore in questione stava male sarebbe dovuto arrivare ad un punteggio tale da permettere il cambio campo e solo allora avrebbe potuto ottenere i 3 minuti.
Già questo in sè, come da regolamento, porta ad una serie di errori.

di A.B.C. (Martedì, 24 Aprile 2012 12:47)

8

  Secondo me ha ragione il maestro dato che ha applicato il regolamento e non ha rischiato un eventuale peggioramento delle condizioni di salute del ragazzo. Se un giocatore vale lo dimostrerà nel prossimo torneo. Inoltre consiglio vivamente l'uso del cappello che potrebbe previenire situazioni come queste.

di sorby (Lunedì, 23 Aprile 2012 17:59)

7

  Il GAT generalmente non è un medico e quindi non può giudicare una condizione di rilevanza medica. In assenza del medico o del fisioterapista chi può stabilire se il giocatore ha diritto o meno alle sospensioni previste?. Effettivamente se non hai ripreso il gioco entro i tre minuti di sospensione che ti ha concesso il GAT è giusto il comportamento di quest'ultimo; non solo come regolamento ma anche moralmente e umanamente. Tutt'altro discorso è la regolarità di attività agonistica in assenza di primo soccorso sanitario (un infermiere, un paramedico, un medico, un fisioterapista, ecc.ecc.) dove la federazione è evanescente nell'emanare dei regolamenti che obbligano gli affiliati a non disputare gli incontri in assenza di detto personale come d'altronde pretende per la presenza dei G.A. Tale comportamento degli organi della FIT è "strano", lo dimostra il fatto che, la presenza del medico nei regolamenti federali è prevista; è previsto dalla legge ma quando succede qualcosa chi "paga" è l'affiliato che non ha ottemperato. Sarebbe sufficente che la FIT negli atti ufficiali scivesse: nessuna gara agonistica può svolgersi se non è presente sul luogo della manifestazione il personale paramedico/medico di primo soccorso con in dotazione un defribbilatore cardiaco; gli affiliati che non ottemperano saranno consapevoli delle conseguenze. FIT pronunciati su questo problema tanto serio, non imitare le tre scimmiette "non vedo- non sento - non parlo.

di G.Lorenzo (Lunedì, 23 Aprile 2012 09:27)

6

  Poiché io ho assistito al match posso dire con assoluta certezza che sbagli perché i 3 minuti che dici tu sono stati in verità 20. Il regolamento prevede che dopo tre minuti si esce dal campo.
Dato le tue condizioni é stato prudente non farti rientrare lode al maestro

di Carpa (Domenica, 22 Aprile 2012 21:05)

5

  In mancanza del medico il GA deve usare il buon senso. Quindi decide per la non prosecuzione dell'incontro salvaguardando così la salute del giocatore. Quì non centra ne il punteggio ne l'assenso dei genitori.
Provate a pensare cosa succederebbe in caso di un ricaduta del giocatore. Povero GA.

di Francesco Nardi (Domenica, 22 Aprile 2012 20:37)

4

  Poiché io ho assisto alla partita posso dire con assoluta certezza che sbagli perché quelli che per te sono stati 3 minuti in verità sono stati 20.
Il regolamento prevede che dopo 3 minuti si esce dal campo e dato le tue condizioni é stato prudente interrompere la partita lode al maestro

di Zeppo (Domenica, 22 Aprile 2012 19:29)

3

  Evidentemente in quel torneo non era presente nè il medico nè il fisioterapista. In casi come questi il GAT, dopo il malessere evidenziato dal giocatore, lo ha valutato fisicamente non idoneo a proseguire l'incontro a prescindere dal punteggio anche di fronte al consenso dei genitori.
E' certamente questa una decisione che il GAT deve assumere con grande discrezione, ma di fronte ad una situazione critica e delicata come questa che avrebbe potuto degenerare con l'inevitabile personale coinvolgimento nella responsabilità giuridica e, punto, in assenza di un medico, bene ha fatto il GAT ad impedirne la prosecuzione.

di pallonetto (Domenica, 22 Aprile 2012 19:21)

2

  mi sa che il tuo avversario se ne approfittato .... e il giudie arbitro ha sbagliato

di classificato 4.2 (Domenica, 22 Aprile 2012 19:02)

1

  Dal tuo post non è ben chiaro se stavi vincendo tu (e quindi ti mancava un punto per la vittoria) o il tuo avversario. Nel primo caso, ritengo che il giudice arbitro, in assenza di un medico, preso atto della tua volontà di continuare ed ottenuto l'assenso da parte dei tuoi genitori avrebbe dovuto far continuare il match.

di Roberto (Domenica, 22 Aprile 2012 17:25)

* inserisci il tuo commento
* nickname
e-mail
* codice di controllo (contro lo spam)
Inserisci il codice di controllo visualizzato sopra.
(caratteri sensibili alle maiuscole/minuscole)
CAPTCHA Image
* campi obbligatori
INVIA
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006