Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Paddle
Tennis in Carrozzina
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?
... a proposito di tennis

 

RSS

La parola ai tesserati

Se sei un tesserato FIT puoi iscriverti al Blog e pubblicare un tuo post, se la tessera è di tipo atleta e ti iscrivi alla newsletter riceverai via e-mail la TUA classifica.

CERCA IN TRIBUNA APERTA

CERCA
 
Sabato, 17 Maggio 2008 alle 16:14

COME TUTELARE GLI APPASSIONATI?

di Giancarlo Baccini
Mi scuso con i miei lettori se, tenendo faticosamente a bada il temperamento, non scrivo quel che penso di ATP, WTA e, più in generale, della Grande Anomalia del tennis, unico sport al mondo gestito non da una Federazione Internazionale ma dalle associazioni sindacali di chi lo fa per mestiere. Taccio anche sulla singolare coincidenza fra il moltiplicarsi degli infortuni e il passaggio dei controlli antidoping dai suddetti sindacati alla Federazione Internazionale. In certe circostanze è meglio stare zitti.
Una cosa, però, mi sento di scriverla. Il pubblico che va a vedere il tennis ha il diritto di assistere allo spettacolo per cui ha pagato. Dunque bisogna far sì che le regole del tennis garantiscano sempre e comunque tale diritto. Sebbene Sergio Palmieri mi dica che una proposta in tal senso è già stata bocciata una volta, io penso che gli organizzatori di tutto il mondo dovrebbero imporre all’ATP e alla WTA una cosetta facile facile. Che, cioè, quando un giocatore o una giocatrice si ritirano nel corso di un torneo (se lo fanno alla vigilia c’è già un meccanismo regolatore) vengano loro assegnati il premio in denaro e i punti del turno precedente a quello in cui si ritirano. E soprattutto che, nel caso in cui - come hanno fatto ieri Serena e oggi la Sharapova - il ritiro avvenga prima di scendere in campo, il loro posto (nonché i soldi e i punti) venga preso dal giocatore o dalla giocatrice che avevano battuto nel turno precedente, obbligati per regolamento a restare sul posto per almeno un giorno di più.
Non mi sembra così astruso e così difficile. E’ vero, una norma di questo tipo contravviene a uno dei principi basilari del tennis (che, cioè, chi perde è eliminato). Ma è ancor più vero, secondo me, che il rispetto nei confronti degli appassionati è un principio ben più basilare di quello, e che dunque non ci sarebbe niente di scandaloso se lo si imponesse per legge.
>
commenti:
( 12 )
+
aggiungi un commento
>
labels:
atp, wta
Mercoledì, 21 Novembre 2007 alle 08:03

EH SI'...L'ITALIA E' IN CRISI (3)

di Giancarlo Baccini
A conferma che l'Italia tennistica è in crisi, essendo soltanto quinta al mondo per numero di giocatori e giocatrici fra i Top 100 delle classifiche ATP e WTA, invito tutti a leggere l'articolo di Luca Marianantoni pubblicato oggi, 21 novembre, dalla Gazzetta dello Sport, momentaneamente disponibile anche su questo sito, nella rubrica "L'articolo del giorno".
>
commenti:
( 21 )
+
aggiungi un commento
>
labels:
italia, atp, wta
Lunedì, 12 Novembre 2007 alle 11:51

EH, SI'... L'ITALIA E' IN CRISI (2)

di Giancarlo Baccini
Con l'ingresso di Fabio Fognini fra i Top 100 della classifica ATP (a soli 20 anni: dai tempi di Furlan non ce la faceva uno altrettanto giovane) il tennis italiano eguaglia il suo record storico di 5 giocatori di élite mondiale a fine stagione, record risalente al 1992. Questo due settimane dopo aver migliorato quello di Top 50, che adesso sono tre (Volandri, Starace e Seppi) come mai era successo prima.
Anche nella classifica WTA siamo al massimo storico eguagliato: 8 giocatrici, come nel 1990.
Tutto questo in un contesto dove, con l'emersione dei paesi ex comunisti e di quelli orientali, la competizione s'è fatta infinitamente più dura rispetto a 15 anni fa.
Eh, sì!... Tommasi e compagnia bella hanno proprio ragione. Da quando c'è questa gestione federale il tennis italiano è entrato in una crisi irreversibile...
>
commenti:
( 62 )
+
aggiungi un commento
>
labels:
classifiche, atp, wta
Domenica, 14 Ottobre 2007 alle 16:22

EH, SI'... L'ITALIA E' IN CRISI

di Giancarlo Baccini
Per la serie "Il tennis italiano è in crisi", la vittoria di Flavia Pennetta a Bangkok ha portato a tre il numero delle giocatrici azzurre capaci di vincere un torneo WTA nella stessa stagione (c'erano già riuscite la Vinci a Bogotà e la Schiavone a Bad Gastein). Si tratta di un record storico eguagliato, perché soltanto nel 1990 si era verificato un evento simile, grazie a Reggi, Cecchini e Bonsignori.
Sempre a causa della crisi del tennis italiano, una quarta azzurra, Mara Santangelo, quest'anno ha vinto il titolo di doppio al Roland Garros e al Foro Italico, mentre tre juniores azzurri hanno conquistato titoli del Grande Slam di categoria, tutti in doppio: Trevisan a Parigi e Fabbiano-Lopez a Wimbledon.
Ah, dimenticavo: la squadra di Fed Cup si è laureata vicecampione del mondo... Eh, sì. Le cose non sono mai andate peggio!
>
commenti:
( 47 )
+
aggiungi un commento
>
labels:
classifiche, atp, wta, pennetta, vinci, schiavone, santangelo, trevisa, lopez, fabbiano
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006