Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Paddle
Tennis in Carrozzina
Comitato Italiano Paralimpico
www.aicstennis.it
SeniorTennis
ASI - Associazioni Sportive e Sociali Italiane
CSAIn - Centri Sportivi Aziendali e Industriali
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?
... a proposito di tennis

 

RSS

La parola ai tesserati

Se sei un tesserato FIT puoi iscriverti al Blog e pubblicare un tuo post, se la tessera è di tipo atleta e ti iscrivi alla newsletter riceverai via e-mail la TUA classifica.

CERCA IN TRIBUNA APERTA

CERCA
 
Sabato, 19 Gennaio 2008 alle 02:17

BAGHDATIS SI DIFENDE: LASCIATEMI TRANQUILLO

di Angelo Mancuso
MELBOURNE - Ripreso da You Tube (ormai arriva dappertutto) abbracciato al presidente dell’Hellas Club arrestato e diffidato dal rimettere piede in Australia. Marcos Baghdatis intonava cori contro la Turchia per l’antico scontro con Cipro sulla supremazia della parte nord dell’isola. Le foto del campione cipriota cresciuto tennisticamente a Parigi alla corte di Patrick Mauratoglou e finalista due anni fa agli Australian Open, campeggia su tutti i quotidiani di Melbourne, a cominciare dal vendutissimo The Age. Guarda caso alla vigilia della sua sfida con l’eroe di casa, Lleyton Hewitt… La comunità turco-cipriota lo attacca duramente ma Marcos si difende attraverso un comunicato in cui dice: “C’è stata una grande copertura mediatica su me che apparivo su un video di You Tube. In questo video che risale al 2007 stavo dalla parte del mio Paese, Cipro, protestando contro una situazione che non viene riconosciuta dalle Nazioni Unite. Ora però vorrei concentrarmi soltanto sul torneo e chiedere a tutti di rispettare questo. Amo gli Australian Open e vorrei fare bene qui”. Chissà che ambientino lo accoglierà questa sera sulla Rod Laver Arena quando scenderà in campo contro Hewitt…
>
commenti:
( 2 )
+
aggiungi un commento
>
labels:
baghdatis, cipro, turchia, melbourne, hewitt
Venerdì, 14 Dicembre 2007 alle 14:02

ROCHE LANCIA LA SFIDA: HEWITT PUO' TORNARE GRANDE

di Angelo Mancuso
Nel novembre 2001 è stato il più giovane numero uno della storia open: Lleyton Hewitt aveva 20 e 8 mesi. Ora l’australiano va per i 27 (li compirà a febbraio), non vince un torneo dello Slam dal 2002 (Wimbledon) e in classifica è sceso un bel po’: numero 21 a fine stagione. Soprattutto Lleyton è incappato in pieno nell’era Federer. Con lo svizzero ha però in comune un certo Tony Roche. Dopo averlo vinto da giocatore, il sessantaduenne coach di Wagga Wagga ha provato per un paio d’anni a dare i consigli giusti a Federer per conquistare l’unico titolo che tuttora manca alla bacheca del numero uno, il Roland Garros, e che da un paio di stagioni nega a Roger la gioia del Grande Slam, impresa riuscita tra gli uomini solo a Donald Budge e Rod Laver. Missione fallita, quella di Roche, anche per “colpa” di un certo Nadal, da tre anni re indiscusso della terra rossa. Ora il “vecchio” Tony si è scelto un’altra “missione”: riportare ai vertici Hewitt, che alcuni, pure tra i suoi connazionali, considerano già un ex giocatore. Curioso il destino di Lleyton: anche quando vinceva, in patria non è mai stato molto amato. Sarà perché gli australiani sono puristi del tennis, stravedono per il serve and volley e l’ultimo esponente di questa razza in estinzione è stato Pat Rafter. Hewitt con il suo gioco ricorda più Borg, cui era stato paragonato all’inizio della carriera per la sua forza mentale, o per non scomodare miti inarrivabili, Wilander. Riuscirà Roche a far risorgere Lleyton? La prima tappa è Melbourne dove a metà gennaio prenderanno il via gli Australian Open. Tony ci crede: “Hewitt ha già vinto gli US Open e Wimbledon - dice - e in Australia contiamo molto su di lui per riportare in patria un titolo che manca da troppo tempo”. Dal 1976, per la precisione, quando vinse il baffuto Mark Edmondson. Intanto gli organizzatori hanno deciso di accontentare Hewitt che negli ultimi anni si era lamentato della superficie utilizzata a Melbourne Park: lento, secondo Lleyton, il bollente rebound ace sul quale la pallina aveva rimbalzi troppo alti. Dal 2008 si passa al plexicushion, un materiale acrilico sul tipo di quello usato agli US Open, che renderà i campi leggermente più veloci. Basteranno Roche e una nuova superficie a far risorgere “Mister Come on”?
>
commenti:
( 2 )
+
aggiungi un commento
>
labels:
hewitt, ex numero uno, non vince uno slam dal 2002
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006