News
08/01/2008   
CAMPANIA
Con la Fed Cup parte il rilancio della periferia napoletana
Sarà un evento nell’evento. Il match di Federation Cup tra l’Italia vicecampione del mondo e la Spagna, in programma sabato 2 e domenica 3 febbraio al Palavesuvio, nel quartiere Ponticelli di Napoli, non rappresenterà solo l’inizio della scalata delle tenniste azzurre verso il trofeo conquistato due anni fa, ma anche un importante momento per il rilancio della periferia napoletana. È in questa ottica che gli organizzatori dell’evento, i responsabili della “Tennis Event” e del Garden Vesuvio di Torre del Greco, in collaborazione con le istituzioni, lanciano una serie di iniziative per far partecipare quante più persone all’importante manifestazione internazionale.
Sarà proprio il coinvolgimento dei ragazzi, di quelli che frequentano i circoli partenopei del tennis e, più in generale, dei giovani delle scuole della città e della provincia, uno degli obiettivi annunciati dagli organizzatori. Mentre fervono i preparativi al palazzetto dello sport di via Argine, dove dal prossimo 21 gennaio inizierà l’allestimento delle tribune e il montaggio del campo che ospiterà gli incontri delle campionesse italiane e iberiche, a breve prenderà il via la campagna-abbonamenti per le due giornate di grande tennis a Napoli. Per venire incontro alle esigenze degli appassionati partenopei, gli organizzatori hanno previsto prezzi popolari per i cinque match in programma al Palavesuvio: il costo dell’abbonamento, infatti, sarà di soli 30 euro. Facile anche comprare i tagliandi in prevendita per i match della Fed Cup: saranno in distribuzione presso tutti gli sportelli della Lottomatica.
Al via poi, grazie anche al supporto del Comitato campano della Federtennis e del Provveditorato agli studi, iniziative per favorire la partecipazione dei ragazzi, al fine di colorare ancora più a festa le tribune del Palavesuvio (in tutto poco più di tremila i posti a sedere).
“La decisione di venire a giocare a Ponticelli – afferma Carmine Palumbo, presidente della ‘Tennis Event’ e già organizzatore di due incontri di Coppa Davis in Campania – è stata ponderata e dettata dal richiamo che da sempre viene dalla periferia, da quella parte della città che si sente spesso messa ai margini. Siamo certi che le istituzioni, penso in particolare a Regione, Provincia e Comune, sapranno esserci vicine. E siamo altrettanto convinti che gli imprenditori, che tante volte hanno auspicato importanti iniziative da svolgersi lontano dal centro della città, sapranno apprezzare e magari condividere i nostri sforzi”.
Le giocatrici italiane e spagnole, intanto, hanno già iniziato la preparazione alla sfida di Napoli. In questi giorni il capitano della nazionale azzurra, Corrado Barazzutti, sarà in Australia per seguire le azzurre nella prima prova del Grande Slam 2008. Anche alle luce delle prestazioni fornite in terra australiana dalle atlete italiane, il capitano costruirà il team contro la Spagna: “L’auspicio – conclude Palumbo –, è che, come già accaduto in passato per la Coppa Davis, Barazzutti possa svelare in una conferenza stampa a Napoli i nomi delle tenniste convocate per il match del Palavesuvio”.

Audio link file audio
file pdf
file pdf
Logo Regione Campania
Gallery