Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Padel
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

FIT LA STORIA

Il tennis
in Italia
Internazionali
d'Italia
L’italia in
Coppa Davis
L’italia in
Fed Cup
I campioni
assoluti
I più grandi
Nicola Pietrangeli
gli altri grandi
Nato a Tunisi l'11 novembre 1933.
Il primo tra i grandi tennisti italiani a entrare nel cuore del pubblico e diventare popolare ben oltre le sue vittorie. Che furono comunque numerosissime, in anni popolati da grandi campioni e grandi divisioni fra dilettanti e professionisti. Campione vero, Nicola, per lo stile morbido improntato su un rovescio tra i più belli del circuito, e per il carisma, da giocatore predestinato a grandi imprese.

Vinse molto sulla terra rossa, fu competitivo anche sull'erba e assunse il ruolo di guida della squadra azzurra trascinandola a due finali.

Giocò fino a 40 anni, mettendosi da parte solo all'avvento di Panatta, suo erede naturale.

Conservò comunque il ruolo di condottiero guidando da capitano la squadra azzurra alla prima e unica vittoria in Coppa Davis, nel 1976 in Cile, battendosi con coraggio contro chi avrebbe preferito non andare in Cile per ragioni politiche.

Oggi svolge per la Federtennis il compito di ambasciatore del tennis azzurro nel mondo.
Caratteristiche tecniche
  destrorso
In Italia è stato numero uno per 11 anni tra il 1959 e il 1960 (con l'eccezione del 1963), numero due per 4 anni ('57, '63, '71 e '72) e numero tre per 3 anni ('54, '55 e '56).
Nel mondo nelle classifiche compilate dal giornalista Lance Tingay fu terzo nel 1959 e 1960, quarto nel 1961, settimo nel 1958 e 1964, nono nel 1957 e decimo nel 1956.
In Davis detiene il record assoluto di matches disputati, 164, dei quali 110 di singolare e 54 di doppio, tra il 1954 e il 1972. Ha vinto 120 matches, 78 dei quali in singolare. In Coppa Davis è stato anche capitano e giudice arbitro.
Nello Slam a Parigi ha vinto nel 1959 e nel 1960, è stato finalista nel 1961 e 1964. In doppio,con Orlando Sirola, ha vinto nel 1959 ed è stato finalista nel 1955 e in doppio misto, con Shirley Bloomer, ha vinto nel 1958. A Wimbledon è stato semifinalista nel 1960 e in doppio, con Sirola, è stato finalista nel 1956.
Agli Internazionali ha vinto nel 1957 e 1961, è stato finalista nel 1958 e 1966 e semifinalista nel 1959, 1965 e 1967. 7 volte finalista in doppio.
Agli Assoluti è stato il miglior giocatore di tutti i tempi con 24 titoli, 7 di singolare, 16 di doppio maschile e uno di doppio misto. Al suo attivo, il titolo di campione italiano juniores nel 1951, quello di doppio di seconda categoria nel 1952 e nove titoli italiani a squadre di prima categoria.
Le altre vittorie principali a Montecarlo ha vinto nel 1961, 1967 e 1968; a Buenos Aires nel 1963 e 1965; ad Amburgo nel 1960. Ha vinto inoltre a Rio de Janeiro, Viareggio e Ortisei nel 1956, Praga, il Cairo e Palermo nel 1958, Casablanca, il Cairo e Napoli nel 1959, Il Cairo nel 1960, Losanna, Il Cairo e Napoli nel 1961, Gstaad, Sanremo e Napoli nel 1963, Palermo e Napoli nel 1964, Viareggio e Ortisei nel 1965, Napoli nel 1966, Roma Parioli nel 1967. Vanno ricordate anche i successi ai Giochi del Mediterraneo del 1963 disputati a Napoli, e le vittorie di Viareggio nel 1965, Ortisei, Palermo e Napoli nel 1964, Gstaad, Wiesbaden, Palermo e Sanremo nel 1963, il Cairo, San Paolo, Alessandria d' Egitto, Losanna Santa Fè e Napoli nel 1961, il Cairo, Santiago, Helsinki, Le Zoute e Messina nel 1960, Casablanca, Napoli, Messina, Merano e Palermo nel 1959, il Cairo, Praga e Palermo nel 1958, Montecarlo under 24 nel 1956, Wiesbaden e Messina nel 1955, Bordeaux indoor nel 1953.
ITF Pro Circuit
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       Cookie Policy