Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Padel
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

NEWS

INDIETRO

27

mar 19
DJOKOVIC SALUTA MIAMI AGLI OTTAVI
Shapovalov batte Tsitsipas. Rinviato Federer
Denis Shapovalov (foto Getty Images)
Lo swing americano di primavera è avaro di soddisfazioni per Novak Djokovic. Dopo l’uscita di scena prematura a Indian Wells (terzo turno per mano di Kohlschreiber) il numero uno del mondo saluta agli ottavi di finale pure il "Miami Open", secondo Atp Masters 1000 stagionale, dotato di un montepremi di 8.359.45 dollari, in svolgimento all’Hard Rock Stadium (la “casa” dei Miami Dolphins di football NFL), nuova sede dell’appuntamento sul cemento della Florida in precedenza ospitato a Crandon Park di Key Biscayne. A riuscire nell’impresa di fermare il 31enne di Belgrado è ancora una volta lo spagnolo Roberto Bautista Agut, che proprio come nella semifinale a Doha, a inizio stagione, la spunta in rimonta: 16 75 63, dopo due ore e mezza di lotta sul Centrale, il punteggio in favore del numero 25 Atp e 22esima testa di serie, che coglie così la terza affermazione in dieci confronti diretti con Nole.

DJOKOVIC RIMONTATO ANCORA DA BAUTISTA AGUT - Niente Settebello vincente dunque per Djokovic, sei volte trionfatore a Miami (2007, 2008, 2011, 2012, 2014-2016), leadership che condivide con Andre Agassi. Eppure l’incontro sembrava nelle mani del serbo, rapidamente volato sul 5-0 per poi chiudere 61 e aprire anche la seconda frazione con un break. Però il servizio del serbo cominciava a perdere colpi ed efficacia, così Bautista Agut restituiva immediatamente lo strappo, annullava altre tre opportunità di break nel terzo gioco, un’altra poi nel settimo game e una, pesantissima, pure sul 5-5, riuscendo lui invece nel gioco successivo a togliere la battuta all’avversario, portando la sfida al terzo. Un set nel quale, dopo aver salvato due palle break nel terzo game, era il 30enne di Castellon de la Plana a issarsi sul 3-1. Immediata la reazione, con contro-break, di Nole, che però perdeva di nuovo il servizio (2-4), “strappo” che risultava decisivo visto che lo spagnolo nei successivi due turni di battuta concedeva appena due punti al numero uno del mondo, vincitore degli ultimi tre Slam disputati, firmando la grande sorpresa quando in Italia era passata la mezzanotte da una quarantina di minuti. Bautista Agut si giocherà un posto in semifinale, mercoledì, contro il campione in carica, lo statunitense John Isner, numero 9 del ranking mondiale e settimo favorito del seeding, che nell’incontro che apriva il programma ha regolato il britannico Kyle Edmund, numero 22 Atp e 19esima testa di serie, in crescendo di condizione dopo i problemi fisici di inizio stagione: 76(5) 76(3), in un’ora e 40 minuti, il punteggio in favore del 33enne di Greensboro. “Long John” conduce per 2 a 1 nei precedenti, ma l’ultimo – disputato a inizio 2016 ad Auckland nei quarti – è stato vinto in tre set dall’iberico.




AUGER-ALIASSIME PRIMO 2000 NEI QUARTI DI UN “1000” - Chi non finisce di stupire, intanto, è il Next Gen canadese Felix Auger-Aliassime, numero 57 Atp (destinato a ritoccare ancora il proprio best ranking), passato attraverso le qualificazioni, il primo giocatore nato nel 2000 a raggiungere i quarti di finale in un “1000” grazie al successo per 76(4) 64 sul georgiano Nikoloz Basilashvili, numero 19 Atp e 17esima testa di serie (si trattava di una sfida inedita nel tour). Era dal 2007 che un qualificato non arrivava tra i “best 8” in questo torneo.




CORIC PIEGA IN RIMONTA KYRGIOS - Prometteva spettacolo e – perché no – emozioni e così è stato il match fra Borna Coric, numero 13 del ranking e undicesima testa di serie, e l’australiano Nick Kyrgios, numero 33 Atp. Il 23enne di Canberra per un set abbondante con la sua imprevedibilità, che sfiora l’irriverenza, ha fatto ammattire l’avversario, che però è venuto fuori alla distanza così da prevalere in rimonta con il punteggio di 46 63 62 e pareggiare i conti nel bilancio dei testa a testa con Kyrgios (2-2). Il 22enne di Zagabria allievo di Riccardo Piatti eguaglia così il risultato dello scorso anno e per provare a migliorarlo dovrà fare i conti proprio con Auger-Aliassime, un altro dei ragazzi terribili che sta bruciando le tappe (non ci sono precedenti tra i due).




ANDERSON IMPONE L’ALT A THOMPSON – Nella metà inferiore del tabellone ha puntualmente staccato il pass per i quarti di finale il sudafricano Kevin Anderson, numero 7 del ranking e sesto favorito del tabellone, rientrato dopo i problemi al gomito che lo hanno costretto in infermeria per alcune settimane. Il gigante di Johannesburg con un doppio 75 ha posto fine alla corsa di un altro “aussie”, ovvero Jordan Thompson, numero 77 Atp, capace di raggiungere per la prima volta gli ottavi in un "1000" mettendo in fila tre avversari più quotati (il britannico Cameron Norrie n.51, il russo Karen Khachanov, numero 12 della classifica mondiale e decimo favorito del seeding, e il bulgaro Grigor Dimitrov, numero 29 del ranking e 24esima testa di serie). Proprio Anderson attende ora il vincente del confronto che vede Roger Federer, numero 5 Atp e quarta testa di serie, vincitore in Florida in tre occasioni (2005, 2006 e 2017), opposto al russo Daniil Medvedev, numero 15 della classifica mondiale e 13esima testa di serie: il 37enne fuoriclasse svizzero, reduce dalla finale persa a Indian Wells contro Dominic Thiem, ha vinto i due precedenti, lo scorso anno, in tre set al 2° turno del “1000” di Shanghai e poi più nettamente (61 64) in semifinale nella sua Basilea. Causa pioggia, ed il protrarsi degli incontri precedenti, il match è stato rinviato a mercoledì.

IL DUELLO NEXT GEN VA A SHAPOVALOV - Nella parte bassa del draw orfana di attesi protagonisti, a cominciare da Alexander Zverev, numero 3 del mondo e secondo favorito del torneo, nonché finalista dodici mesi fa, puntano a ritagliarsi uno spazio importante arrivando alle fasi decisive del torneo anche i Next Gen. Come il padrone di casa Frances Tiafoe, numero 34 della classifica mondiale e 28esima testa di serie, che si è imposto per 75 76(3) sul belga David Goffin, numero 20 Atp e del seeding, che si era aggiudicato tutti e tre i precedenti. Il 21enne di Hyattsville nei quarti troverà un altro giovanissimo, il 19enne mancino canadese Denis Shapovalov, numero 23 del ranking e del draw, che nella notte italiana si è aggiudicato per 46 63 76(3), dopo quasi due ore e un quarto di lotta, la sfida tutta Next Gen terminata a notte fonda contro il 20enne greco Stefanos Tsitsipas, numero 10 della classifica mondiale e ottava testa di serie. Uno pari il bilancio dei precedenti tra Tiafoe e "Shapo".

RISULTATI MARTEDI’ – Ottavi di finale: (22) Bautista Agut (ESP) b. (1) Djokovic (SRB) 16 75 63, (7) Isner (USA) b. (19) Edmund (GBR) 76(5) 76(3), (q) Auger-Aliassime (CAN) b. (17) Basilahsvili (GEO) 76(4) 64, (11) Coric (CRO) b. (27) Kyrgios (AUS) 46 63 62, (6) Anderson (RSA) b. Thompson (AUS) 75 75, (20) Shapovalov (CAN) b.( 8) Tsitsipas (GRE) 46 63 76(3), (28) Tiafoe (USA) b. (18) Goffin (BEL) 75 76(6), (13) Medvedev (RUS) c. (4) Federer (SUI) rinviato a mercoledì.

SINGOLARE MASCHILE



di Gianluca Strocchi

Commenti

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
COMMENTA QUESTO ARTICOLO
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       DPO  Cookie Policy  Privacy Policy