Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Padel
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

NEWS

INDIETRO

08

dic 18
"SIAMO UN GRUPPO STRAORDINARIO"
Il team torinese si gode uno storico trionfo
Finali Serie A 1 2018 Federica Di Sarra USD Binasco. (foto Costantini)
Una prima volta indimenticabile: per il Tennis Beinasco l’8 dicembre 2018 rimarrà impresso negli annali come il giorno del primo scudetto nella storia del club torinese. Conquistato al termine di una due giorni intensa e ricca di emozioni, al doppio di spareggio, dopo che nel precedente doppio erano volati via due match point.
“È stato determinante resettare tutto dopo quel doppio da infarto perso con due match point a favore, ma le nostre avversarie avevano fatto dei numeri in quelle situazioni”, spiega Federica Rossi, ricevendo anche un gavettone in diretta tv.
“Come festeggeremo? Non ci abbiamo pensato, siamo stato brave perché dopo il 2-2 dal punto di vista psicologico l’inerzia era più dalla parte delle nostre avversarie. Invece in campo abbiamo risposto nella maniera giusta”, aggiunge Federica Di Sarra, grande protagonista della giornata conclusiva.

LA CAPITANA COLETTO: “RISULTATO MERITO DI UN GRUPPO STRAORDINARIO” - Dopo aver ricevuto il trofeo per la squadra vincitrice, consegnato al presidente torinese Sergio Testa. “Tanti anni che giochiamo insieme formando un gruppo affiatatissimo” - sottolinea Cristina Coletto che ha accompagnato negli anni la crescita di questo team – “al quale da un paio di stagioni si è aggiunta Federica Rossi, uno dei talenti emergenti del tennis italiano. Da alcune stagioni stavamo lottando in A1 e quest’anno ci ha detto bene, le ragazze hanno colto delle vittorie incredibili, dimostrando professionalità e un attaccamento speciale fin dalla giornata di apertura, e ora possiamo goderci un risultato fantastico. Abbiamo vissuto quest’avventura insieme a tanti appassionati, che ci hanno seguito domenica dopo domenica, come fossimo una grande famiglia. Il doppio decisivo? Federica Di Sarra è una garanzia in questa specialità, e insieme all’altra Federica forma la coppia migliore a mia disposizione, senza nulla togliere alle altre componenti della squadra. Per questo, quando potevo, le ho sempre schierate: anche contro Lucca in semifinale avevano vinto il doppio di spareggio e anche qui si sono ripetute. So di aver dato loro una grossa responsabilità ma mi hanno ripagato sul campo”.

BALESTRA: “CI RIPROVEREMO IL PROSSIMO ANNO” - “Non posso che ringraziare tutte le ragazze per quello che hanno ottenuto dalla prima giornata di campionato a oggi, un percorso bellissimo” - le parole di Mauro Balestra, capitano del Tennis Club Genova 1893, venate da un filo di amarezza – “Hanno dato tutto fino all’ultimo punto e quando si arriva al doppio di spareggio, risolto dal deciding point, è un po’ un terno al lotto, specchio di un campionato all’insegna dell’equilibrio però noi siamo un gruppo molto affiatato e ci riproveremo già dal prossimo anno, credetemi”.

In effetti le atlete del Tennis Club Genova 1893 erano arrivate davvero vicinissimo al baratro, ma hanno saputo rialzare la testa annullando due match point in doppio e rimandando il verdetto al doppio di spareggio. “Eravamo partite benissimo, poi però abbiamo subito il ritorno delle avversarie che hanno fatto loro il primo set. Però siamo state brave a continuare a crederci” - sottolinea Alberta Brianti dopo la rocambolesca affermazione su Di Sarra/Rossi – “Sul 2-1 sotto negli spogliatoi ci siamo dette che non era finita e che in campo avremmo dato tutto quel che avevamo. La volée sulla riga sul primo match point per Beinasco? Era l’unico posto dove potevo metterla e lì è andata la palla... ”.
Grande carica anche per Ludmila Samsonova, capace di gettarsi alle spalle la sconfitta in singolare della prima giornata: “Volevo il riscatto e ci sono riuscita, ma è ancora lunga. E infatti il capitano ci ha subito detto che ancora non abbiamo fatto nulla…”.

DI SARRA: "TESA PER L'IMPORTANZA DEL PUNTO NEL MIO SINGOLARE" - A portare in vantaggio il Tennis Beinasco nella seconda giornata era stata Federica Di Sarra, subito dopo l’ultimo punto abbracciata dalla capitana e dalle compagne di squadra. “E’ stato un abbraccio ricco di significati, anche un po’ liberatorio dopo un match con tanta tensione” – riconosce ai microfoni di SuperTennis la 28enne tennista nata a Fondi, attualmente numero 401 del ranking Wta – “Del resto con Cristina ci conosciamo ormai da cinque anni, ne abbiamo passato tante insieme in questo periodo, togliendoci diverse soddisfazioni. Ora ci stiamo giocando per la prima volta una finale scudetto e sarebbe qualcosa di speciale riuscire a conquistarlo”.
Quindi il discorso scivola sul match, caratterizzato dagli alti e bassi, specie con il diritto, della giocatrice del club torinese. “In campo ero piuttosto tesa, sapendo che come squadra puntavamo molto su questo punto, che poteva spostare gli equilibri di un confronto nel complesso equilibrato. Alberta Brianti anche se non fa più attività internazionale ha tanta esperienza e sicuramente ancora una bella mano, non a caso nel secondo set ha saputo approfittare del mio calo per rientrare in partita. Per questo nel terzo era fondamentale andare avanti per prima e riuscire a strapparle la battuta. Ci sono riuscita e sono stata in grado di chiudere, cogliendo una vittoria importante. A chi la dedico? In primo luogo al circolo, che ci tiene tantissimo, e poi anche ai miei allenatori che per essere qui a sostenermi oggi si sono messi in viaggio all’alba. Ora vediamo che succederà nel doppio: io sono pronta a scendere in campo, con Federica Rossi ci troviamo bene anche se non abbiamo mai giocato sul veloce” - conclude Di Sarra – “comunque la decisione e le scelte spettano alla nostra capitana”.

Commenti

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
COMMENTA QUESTO ARTICOLO
ITF Pro Circuit
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       Cookie Policy