Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Padel
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

NEWS

INDIETRO

05

dic 18
SCUDETTO, QUESTIONE CAPITALE
L'Aniene punta al poker, il Parioli alla rivincita
Finali Serie A 1 2018 Thomas Fabbiano del Parioli. (foto Costantini)
Aniene punta al poker, Parioli alla rivincita. Il Circolo Canottieri Aniene insegue in Toscana il secondo titolo consecutivo, che rappresenterebbe il quarto successo in nove stagioni dopo i trionfi del 2010, 2014 e 2017.
La rosa dei capitani Vincenzo Santopadre (più volte schierato in doppio nel corso della Regular Season) e Stefano Cobolli vanta la presenza dei fratelli Matteo e Jacopo Berrettini, di Simone Bolelli, Gianluigi Quinzi, Liam Caruana e alcuni giovani interessanti come Riccardo Perin e Riccardo Di Nocera. L’Aniene è giunto in finale dopo aver sconfitto, in due sfide quasi ‘epiche’, il Park Genova. L’andata, in scena a Roma sui campi indoor della Rome Tennis Academy causa maltempo, aveva visto prevalere i capitolini per 4-2, mentre al ritorno, sul 3-2 in favore dei liguri, è stato il doppio Berrettini-Bolelli a portare a casa il punto decisivo, dopo un match colmo di emozioni, con lo score di 6-7(14) 6-3 10-8.
Il Parioli, che lo scorso anno impensierì l’Aniene soprattutto grazie alle ottime prestazioni del serbo Zekic (che superò Matteo Berrettini in tre set), è giunto all’ultimo atto grazie a una squadra equilibrata e combattiva nonostante l’assenza per infortunio di Gian Marco Moroni. Matteo Fago, che non sarà presente a Lucca, ha ‘tirato la carretta’ sino ai play-off, durante i quali sono subentrati Thomas Fabbiano e Pietro Rondoni. Dopo aver vinto l’andata della semifinale per 4-2 in casa dell’Angiulli Bari, i ‘pariolini’ hanno tremato non poco nel match di ritorno, che li ha visti andare sotto 0-2 dopo i primi due singolari. Il giovane Andrea Bessire e Thomas Fabbiano hanno poi riportato il match in equilibrio prima dei doppi. Doppi che hanno permesso al Parioli di staccare il pass per Lucca grazie alla coppia Zekic-Fabbiano.

FINALE MASCHILE

CIRCOLO CANOTTIERI ANIENE
Matteo Berrettini
Roma, 12 aprile 1996 (22 anni)
Ranking Atp: 54 (best 52) | Doppio: 126
Dopo una stagione straordinaria a livello Atp, che l’ha visto trionfare a Gstaad e ottenere risultati di grande prestigio, Matteo Berrettini arriva a Lucca come n.1. Abile a disimpegnarsi sul veloce indoor grazie al ‘fido’ schema servizio-dritto, l’allievo di Vincenzo Santopadre è pronto a prendersi sulle spalle la squadra cercando il secondo titolo consecutivo. Ha partecipato a una sola sfida di regular season, ma è stato decisivo nei play-off conquistando 3 punti su 4 nella sfida col Park Genova.

Simone Bolelli
Bologna, 8 ottobre 1985 (33 anni)
Ranking Atp: 146 (best 36) | Doppio: 97
Il veterano azzurro ha vissuto finalmente una stagione con pochi problemi fisici, anche se l’obiettivo di rientrare in Top 100 non è andato a buon fine. Due quarti di finale Atp in stagione (Estoril e Bastad), due finali challenger e il secondo turno a Wimbledon hanno dimostrato che, se in giornata, Bolelli può dare ancora fastidio nei tabelloni del circuito maggiore. In serie A1 Simone ha ottenuto uno straordinario en plein conquistando, tra regular season e play-off, 8 vittorie su 8 incontri (4 singolari e 4 doppi).

Gianluigi Quinzi
Cittadella (PD), 1 febbraio 1996 (22 anni)
Ranking Atp: 147 (best) | Doppio: 931
Gianluigi Quinzi ha disputato quest’anno la sua miglior stagione in carriera da professionista. Vincitore di due titoli challenger (Francavilla e Mestre), il marchigiano ha guadagnato quasi 200 posizioni nel ranking Atp passando dal numero 329 alla piazza 147. L’allievo di Fabio Gorietti alla Tennis Training School di Foligno non ha dato l’apporto sperato in Serie A1, ma, al rientro da una lunga preparazione invernale svolta in Argentina, è pronto a dare il suo contributo nella finalissima di Lucca.

Jacopo Berrettini
Roma, 27 novembre 1998 (20 anni)
Ranking Atp: 431 (best) | Doppio: 594
Jacopo Berrettini ha vissuto un 2018 nel segno del salto di qualità. L’allievo di coach Flavio Cipolla ha conquistato due titoli Futures e, nel complesso, portato a casa risultati di prestigio che gli hanno permesso di scalare quasi 700 posizioni nel ranking mondiale. Jacopo è stato uno dei tennisti più impegnati dai capitani Vincenzo Santopadre e Stefano Cobolli, tanto da disputare, tra singolare e doppio, ben 10 incontri tra regular season e play-off, con un record di 6 vittorie e 4 sconfitte.

Liam Caruana
- Roma, 22 gennaio 1998 (20 anni)
Ranking Atp: 589 (best: 375) | Doppio: 889
Grande protagonista alle Next Gen Atp Finals di Milano, Liam Caruana è stato un punto fermo della stagione del Circolo Canottieri Aniene. Il ‘romano d’America’, nato in Italia ma trasferitosi da giovanissimo negli Stati Uniti al seguito di papà Massimo, ha dato un grande apporto al team durante la stagione regolare, conquistando 5 vittorie su 6 match disputati. Nell’andata della semifinale scudetto, contro il Park Genova, è stato sconfitto da Lorenzo Musetti ma, insieme a Bolelli, ha portato a casa in doppio l’importantissimo punto del 4-2.

Riccardo Perin
Vico Equense, 16 gennaio 2000 (18 anni)
Ranking Atp: - (best: -) | Doppio: -
Stagione non semplice per il giovane tennista campano che, a causa di qualche problema fisico, non ha mai dato continuità al suo 2018. Il miglior risultato è giunto, da under 18, nel torneo Itf di Grado 2 di Prato dove, in coppia con Federico Arnaboldi, ha raggiunto la finale in doppio. In A1 è stato spesso schierato durante la regular season (8 volte), con un record complessivo di 4 vittorie e 4 sconfitte.
A Lucca sarà presente anche Riccardo Di Nocera, altro interessante giovane campano (classe 2000) che ha già fatto il suo esordio in A1.

TENNIS CLUB PARIOLI

Thomas Fabbiano
Grottaglie, 26 maggio 1989 (29 anni)
Ranking Atp: 102 (best: 70) | Doppio: 464
Il n.1 del Tc Parioli è tornato ‘a casa’ a distanza di alcuni anni. Fabbiano, che quest’anno vanta il 3° turno a Wimbledon con tanto di successo su Stan Wawrinka, aveva già difeso da giovane i colori del club capitolino. Quest’anno il pugliese è stato decisivo a livello di play-off (dopo aver vinto un match in regular season), ottenendo 4 vittorie su 4 tra singolari e doppi. Fabbiano, che si è trasferito da poche settimane a Bordighera nel Team Piatti-Sartori, ha già dimostrato di saper valorizzare le proprie qualità sul veloce indoor.

Miljan Zekic
Belgrado (Serbia), 12 luglio 1988 (30 anni)
Ranking Atp: 274 (best: 188) | Doppio: 865
Lo scorso anno, Miljan Zekic, nella finale scudetto del 2017, fu grande protagonista con la vittoria a sorpresa ottenuta su Matteo Berrettini. Nel 2018 il talento serbo, amatissimo dal pubblico del Parioli per la grinta e la determinazione, proverà a mettere in campo un’altra grande prestazione. L’annata a livello professionistico dell’ex Top 200 è stata mediamente positiva, anche se gli ottimi risultati ottenuti a livello Futures (tre titoli) non sono stati confermati nel circuito Challenger (due quarti finale).

Ante Pavic
Ogulin (Croazia), 7 marzo 1989 (29 anni)
Ranking Atp: 369 (best: 132) | Doppio: 160
Il gigante croato (196 centimetri di altezza) ha vissuto un’ottima stagione in questa Serie A1 2018 con un record complessivo, conquistato tra singolare e doppio, di 5 vittorie e 2 sole sconfitte subite, dimostrando un grande attaccamento alla maglia del Tennis Club Parioli. A livello professionistico e individuale, invece, Ante Pavic ha raggiunto in stagione cinque volte i quarti di finale a livello di Challenger Atp, prendendosi anche il lusso di superare un ottimo Top 100 come lo slovacco Lukas Lacko.

Pietro Rondoni
Vercelli, 3 novembre 1993 (25 anni)
Ranking Atp: 377 (best: 354) | Doppio: 474
Tre titoli Futures conquistati in stagione (Sassuolo, Albinea e Cornaiano) e un tennis in continuo miglioramento. Il piemontese Pietro Rondoni arriva alle finali di Lucca pronto a dare un contributo importante alla compagine capitolina. Fisico perfetto per il tennis (185 centimetri di altezza per 75 kg di peso), nell’andata dei play-off contro l’Angiulli Bari, in trasferta, si è reso protagonista di una splendida e importante vittoria contro il peruviano Duilio Beretta (ex Top 400 Atp).

Flavio Cobolli
Roma, 6 maggio 2002 (16 anni)
Ranking Itf U18: 204 | Doppio: -
Figlio dell’ex professionista Stefano Cobolli (numero 236 Atp nel 2003), Flavio ha vissuto un’annata molto positiva e importante determinata da una crescita esponenziale sia dal punto di vista tecnico che fisico. Cresciuto sin da giovanissimo al Tennis Club Parioli (si divideva tra tennis e calcio, nelle giovanili della Roma) sotto la guida di Vittorio Magnelli, si è trasferito pochi mesi fa dal papà Stefano nella nuovissima Rome Tennis Academy (dove si allena con i fratelli Berrettini dell’Aniene). A gennaio parteciperà agli Australian Open Junior.

Andrea Bessire
Roma, 25 aprile 1999 (19 anni)
Ranking Atp: 1999 (best: 1.288) | Doppio: 977;

Francesco Bessire
Roma, 21 febbraio 1994 (24 anni)
Ranking Atp: 1327 (best: 1184) | Doppio: 903
I fratelli Bessire sono un punto fermo del Tc Parioli. Andrea, il più piccolo, ha disputato in questo 2018 una splendida annata in Serie A1: in singolare ha conquistato 3 vittorie su 5 in singolare e, nei play-off, ha battuto Luca Narcisi nella semifinale di ritorno contro Bari. Francesco, vincitore del Lemon Bowl under 18 nel 2012, ha appena ripreso l’attività internazionale. Alto e potente, è molto affidabile, specialmente in doppio.



di Alessandro Nizegorodcew

Commenti

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
COMMENTA QUESTO ARTICOLO
ITF Pro Circuit
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       Cookie Policy