Internazionali BNL d'italia
Istituto Superiore di Formazione “Roberto Lombardi”
Centri Federali Tennis
FIT Ranking Program
Beach Tennis
Padel
Tennis in Carrozzina
Lab 3.11
Comitato Italiano Paralimpico
SeniorTennis
www.superabile.it
LOGIN
HAI DIMENTICATO LA PASSWORD?

NEWS

INDIETRO

12

lug 18
RAFA-NOLE FINALE ANTICIPATA?
Anderson-Isner è l’altra ‘semi’ venerdì
Novak Djokovic (foto Getty Images)
Da una parte qualcosa come 29 titoli dello Slam complessivi, dall’altra appena una finale. Letta così, guardando i numeri del palmares dei quattro contendenti in campo (in rappresentanza di tre continenti: Europa, America e Africa), appaiono assai sbilanciate come peso specifico le due semifinali di Wimbledon, venerdì chiamate a scegliere i protagonisti dell’atto conclusivo della 132esima edizione di ‘The Championships’. Ciascuno può dare il proprio giudizio individuale e soggettivo, in ogni caso nella parte alta del tabellone, quella in cui nei quarti è uscito di scena il campione in carica Roger Federer (20 Major in bacheca, tra cui otto conquistati all’All England Club), ci sarà un debuttante in finale sui prati londinesi, mentre nella metà inferiore chi emergerà dalla sfida fra Rafa Nadal e Novak Djokovic è sicuramente più abituato a certi palcoscenici e alle grandi imprese.

(8) Kevin Anderson (RSA) c. (9) John Isner (USA)
Dopo la finale raggiunta nel settembre scorso a Flushing Meadows (poi fermato da Rafa Nadal) il gigante sudafricano (203 centimetri di altezza) che nei quarti ha sgambettato “sua maestà” Roger Federer ha ora l’occasione per approdare a un altro match per il titolo di un Major ed eguagliare l’exploit di Kevin Curren, finalista su questi prati nel 1985. Niente male per il 32enne di Johannesburg, che a febbraio vincendo a New York ha incamerato il suo quarto titolo Atp su 16 finali disputate (nel 2018 anche a Pune e Acapulco). Un ruolino di marcia che lo colloca tra i pretendenti più accreditati per un posto alle ATP Finals di Londra, specie se dovesse far suo anche il testa a testa fra titani contro Isner (208 centrimetri), dove Anderson proverà la strana sensazione di sentirsi più basso – una volta tanto – dell’avversario. Ad accomunare i due contendenti, oltre al servizio devastante, il fatto che entrambi abbiano salvato match point: uno il sudafricano contro il fuoriclasse di Basilea – ampiamente evidenziato dai media – e ben due invece lo statunitense al 2° turno contro il belga Ruben Bemelmans per poi spuntarla in cinque set, prima affermazione alla distanza all’All England Club dallo storico 70-68 ai danni di Nicolas Mahut nel 2010. Già, a 33 anni sta giocando il suo miglior tennis Long John, tanto da catturare in primavera a Miami il primo titolo in un “1000” – il 13esimo complessivo su 25 finali disputate – e ora ottenere il suo miglior risultato in uno Slam (è il numero 41 che gioca), senza essere stato ancora brekkato a Wimbledon. Sono su erba, sempre a Newport (2011, 2012 e 2017), tre dei trofei messi in bacheca dall’americano, che quindi non ha alcuna intenzione di fermarsi qui. Anche perché negli undici confronti diretti nel circuito lo yankee conduce per 8 a 3, essendosi aggiudicato le ultime cinque sfide (la più recente è comunque datata 2015, al secondo turno del “1000” di Indian Wells) e pure l’unico incrocio green, ben dieci anni fa al primo turno del Queen’s. Comunque vada, anche nella peggiore delle ipotesi, il giocatore di Greensboro, al momento numero 10 Atp, da lunedì salirà in ottava posizione mondiale, suo nuovo best ranking.



(12) Novak Djokovic (SRB) c. (2) Rafa Nadal (ESP)
L’ennesimo capitolo di uno dei duelli che ha caratterizzato il tennis negli ultimi quindici anni: sono 51 i precedenti tra questi due campioni e il serbo conduce per 26 a 25 dopo che il maiorchino ha prevalso a maggio nella semifinale degli Internazionali BNL d’Italia, al termine di un match intenso e di alto livello, quello che probabilmente ha dato al 31enne di Belgrado la consapevolezza di essere sulla giusta strada per tornare competitivo dopo i problemi al gomito. Solo in tre occasioni – piuttosto datate - i due si sono incrociati sull’erba, con successo di Djokovic in finale a Wimbledon nel 2011 – il primo dei tre trionfi di Nole, poi a segno anche nel 2014 e 2015 – dopo che Nadal si era imposto nel 2008 nella finale del Queen’s e l’anno precedente in semifinale a Wimbledon, con ritiro del rivale a metà del terzo set (36 61 4-1). Per ritrovare una semifinale Slam dopo quasi due anni – l’ultima agli US Open 2016, poi fermato da Wawrinka -, ottava per lui a Church Road eguagliando John McEnroe e Pete Sampras, il serbo, tre settimane fa finalista al Queen’s (con match point mancato contro Cilic), è arrivato a 63 match vinti all’All England Club, affiancando proprio Sampras al quarto posto nella speciale classifica nell’Era Open di successi nel “Tempio”. Sono invece 48 gli incontri vinti sull’erba londinese dal mancino di Manacor (a fronte di 10 ko), alla sesta semifinale in questo torneo – 28esima complessiva nei Major - a sette anni di distanza appunto dall’ultima. Rafa, che in questo torneo ha trionfato due volte (2008 e 2010) e raggiunto pure altre tre finali, rimane quindi in corsa per il 18esimo titolo Slam in carriera e per l’accoppiata vincente Roland Garros-Wimbledon nello stesso anno, già riuscitagli nel 2008 e 2010: dovesse riuscire a calare il tris lo spagnolo eguaglierebbe il record di Bjorn Borg’s, capace di tale impresa in tre stagioni consecutive, dal 1978 al 1980. Bisognerà vedere quanto peserà lo sforzo compiuto per domare Del Potro nei quarti, in un match di quasi 5 ore di altissima intensità, sul piano atletico e mentale. Nel peggiore dei casi, comunque, Nadal ripartirà dalla Gran Bretagna avendo consolidato il suo trono di numero 1, anche grazie all’uscita di scena di Federer nei quarti. Una certezza non da poco, anche per un fuoriclasse del suo calibro.

SINGOLARE MASCHILE

DOPPIO MASCHILE



di Gianluca Strocchi

Commenti

di' la tua, scrivi un commento a questo articolo
COMMENTA QUESTO ARTICOLO
ITF Pro Circuit
www.lexicon.it

Federazione Italiana Tennis - P. IVA 01379601006       Cookie Policy